Martedì 17 Settembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

 

 

Pozzuoli (Na): dal carcere alla passerella, le detenute diventano modelle PDF Stampa E-mail
Condividi

di Elisabetta Froncillo

 

Il Mattino, 29 aprile 2016

 

Non soltanto moda al carcere femminile di Pozzuoli, per ritornare alla vita sfilando a testa alta, dopo aver scontato la pena. Ma anche spettacolo e musica. L'appuntamento è per il pomeriggio del 5 maggio presso la casa circondariale femminile, dove venticinque detenute scenderanno in passerella, indossando abiti di haute couture. Con loro il cantante Gigi Finizio, che arricchirà la terza edizione della kermesse di moda dallo sfondo sociale, esibendosi per le recluse e i loro ospiti in un inedito mini concerto.
Tra tessuti preziosi e scintillanti le ospiti del penitenziario solcheranno il corridoio della grande moda, che dietro quelle sbarre assume un valore del tutto particolare e simbolico: ripercorrerlo, come la strada della detenzione, per ritornare nella società, fuori da quelle mura, splendenti. L'evento è organizzato dalla P&P Academy, in collaborazione con l'assessorato alle Politiche sociali, la commissione Pari opportunità del Comune di Pozzuoli e l'associazione Anteas.
Una mano amica. Le detenute si alterneranno in passerella con sei modelle dell'Accademia della Moda di Anna Paparone. Tutte sfileranno con gli abiti della collezione 2016 del marchio Impero Couture di Luigi Auletta, degli stilisti Salviòs e Veronica Guerra. Per l'occasione le detenute non saranno delle semplici indossatrici improvvisate: hanno seguito infatti, all'interno dello stesso carcere, un corso di portamento e di bon ton. Saranno pettinate da Bed Head Studios di Ciro Paciolla e truccate da Art Studio e Giusy Aleandro. A presentare l'evento, con l'organizzatrice Anna Paparone, ci sarà Gaetano Gautiero. Tra gli ospiti anche il cantante Felice Romano e il comico di Made in Sud, Pasquale Palma.
Nel parterre la direttrice della casa circondariale Stella Scialpi, il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, la Garante delle detenute Adriana Tocco. La sfilata, che ha esclusivamente finalità sociali, si propone da un lato di offrire alle detenute un momento di aggregazione e dall'altro di avvicinarle al mondo della moda. Negli anni sono diverse le ospiti della casa circondariale che hanno trovato la propria dimensione una volta scontata la pena: alcune di loro, infatti, sono entrate a far parte ufficialmente del gruppo di modelle della P&P Accademy in diverse manifestazioni, facendone di un'attività di svago un'opportunità di lavoro.

 

 

 

 

 


Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it