Giovedì 19 Settembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Giustizia: il marito di Veronica "dici bugie sul nostro Lorys, addio" PDF Stampa
Condividi

di Giusi Fasano

 

Corriere della Sera, 7 gennaio 2015

 

L'incontro in carcere tra il padre del bimbo ucciso e la moglie accusata dell'omicidio. Lui: "Chi stai coprendo? In paese parlano di un amante". Veronica: "Credimi, ti prego". Carcere femminile di Agrigento. Un uomo e una donna si avvicinano l'uno all'altra, nella sala colloqui. Lei gli va incontro, vorrebbe un abbraccio, una carezza, vorrebbe sentire il calore delle mani di quell'uomo.

Ma gli agenti della polizia penitenziaria che seguono a distanza l'incontro vedono lui ritrarsi. "No, Veronica, per favore... non posso". E lei capisce da quel gesto che questa partita l'ha perduta. Suo marito, l'uomo che l'ha tanto amata, non le crede più.

Davide Stival ci ha provato, ieri. Ha voluto guardare negli occhi la donna che per dieci anni ha creduto moglie e madre esemplare, la stessa che la procura di Ragusa accusa di aver ucciso il figlio Lorys, otto anni, strangolato e buttato in un canale a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. "Ho voluto darle una possibilità" ha detto Davide al suo avvocato, Daniele Scrofani Cancellieri. "Ma lei insiste con le bugie e per me i ponti si chiudono qui".

Un'ora assieme, la prima da quando Veronica Panarello è in carcere. Lei lo aveva supplicato più e più volte: "Ti prego, Davide, non abbandonarmi. Io non ho ucciso il nostro Lorys". Lui ci ha pensato a lungo e alla fine ha deciso che la madre del suo bambino perduto e di Diego, il più piccolo di casa, meritava una chance. Una specie di prova del fuoco per quest'uomo mite che voleva capire, più di quanto non sappia già, dagli occhi e dalla voce di sua moglie.

"Dimmi la verità, non raccontarmi bugie e io cercherò di aiutarti, proverò farti uscire da qui. Dammi la possibilità di aiutarti, te lo chiedo per favore..." l'ha supplicata. "Ma perché non mi credi? Non sono stata io: quella mattina l'ho portato a scuola, è questa la verità" ha giurato lei ancora una volta.

Ma nella mente di Davide scorrevano le immagini delle telecamere di Santa Croce, quelle viste assieme agli inquirenti la notte che Veronica è stata arrestata: la Polo nera di sua moglie che seguiva un percorso diverso da quello raccontato da lei... la sagoma di Lorys che usciva di casa e invece di salire in macchina tornava indietro... l'auto che correva in direzione del Vecchio Mulino, proprio dove c'è il canale.

Le domande arrivano da sole: "Ho i visto i video, perché ti ostini a raccontare un percorso che non hai fatto?". "Non ho detto bugie. Ho fatto la strada che ho detto". "Ma si vede la macchina e non va verso la scuola".

"Io l'ho portato a scuola". "Non mentirmi, Veronica. Si vede Lorys che torna a casa. Non è mai andato a scuola". "Non è vero, si vede un'ombra e non è Lorys. Io l'ho lasciato vicino alla scuola".

Veronica piange, è fin troppo evidente che lui non crede a una parola. Chiede di Diego, vorrebbe vederlo, è disperata. Ma Davide non segue la sua emotività, la guarda con distacco, la incalza. "Stai cercando di coprire qualcuno? C'è qualcuno che ti minaccia o che minaccia Diego? In paese si dice che avevi un amante, che forse stai proteggendo lui... Si dice che Lorys forse ha visto qualcosa. Può essere per questo che non vuoi parlare? Dimmi come stanno le cose, ti prego. A questo punto me lo puoi dire".

Ancora una risposta decisa, razionale: "Non sto coprendo nessuno. E se anche ci fosse stato un amante ti pare che potrei pensare di coprire lui davanti al nostro bambino ammazzato? Si può mai pensare di ammazzare un figlio per salvare il matrimonio? Mi conosci. Non so come fai a pensare a quello che si dice in paese dopo dieci anni passati con me, non posso credere che tu mi pensi capace di una cosa del genere".

Un'ora e un milione di parole rimaste in sospeso. Il tempo è bastato appena per capire che le strade di Veronica e di Davide sono ormai divise, forse per sempre. "Tornerai a trovarmi?" "No, mi dispiace. Non posso più sentire le tue bugie". Carcere femminile di Agrigento. Un uomo e una donna si salutano nella sala colloqui. Sanno tutti e due che potrebbe essere un addio.

 
Lettere: la tortura e le ragioni di Stato PDF Stampa
Condividi

risponde Furio Colombo

 

Il Fatto Quotidiano, 7 gennaio 2015

 

Caro Furio Colombo, in un recente articolo, Valter Vecellio definisce i metodi di cattura, prigionia e interrogatorio che hanno segnato l'America di Bush uno dei tanti frutti perversi della "Ragion di Stato", la stessa che viene invocata per non svelare segreti e non rendere pubblici certi documenti. Sono convinto anch'io (e dunque d'accordo con i Radicali) che la "Ragion di Stato" è l'impenetrabile scudo di decisioni arbitrarie. Ma la "Ragion di Stato" non ha impedito le rivelazioni americane. Allora perché non avviene anche nel nostro Paese?

 

Gianfranco

 

Ho ascoltato l'articolo di Vecellio letto nella rassegna stampa mattutina di Radio Radicale (e che era stato pubblicato quel giorno, 4 gennaio, da "Il Garantista"). Sono ovviamente d'accordo sia con la campagna che i Radicali conducono da sempre contro la sparizione di interi ed essenziali fatti e decisioni della vita italiana sotto il cemento del segreto di Stato, sia con la narrazione della esemplare vicenda americana: la senatrice Diane Feinstein, entrata in possesso di documenti sul comportamento di vari diversi servizi impegnati nella lotta al terrorismo, per ragioni del suo lavoro parlamentare, ha preso la decisione di renderli pubblici, perché disumani, con l'intento di denunciare una violazione grave delle leggi americane e della Costituzione del Paese.

È stata accusata di tradimento da Dick Cheney, un personaggio disposto a tutto, che era stato vice presidente di George W. Bush e che, con l'occasione e il pretesto di difendere il suo capo, adesso attribuisca a Bush tutta la responsabilità di ciò che, di illegale, è accaduto sotto la sua presidenza.

Di suo era arrivato al punto da far trapelare l'affiliazione "coperta" alla Cia - dunque creando un immediato pericolo di vita - contro personaggi che avevano smentito lui e Blair e avevano avversato la guerra in Iraq, dimostrando che non vi erano armi di distruzione di massa.

Ha ragione di nuovo Vecellio quando ricorda che si deve a Blair e a personaggi come questi se una guerra terribile ma evitabile è scoppiata in anticipo per sventare l'accordo quasi perfezionato di esilio e di abbandono del potere per Saddam Hussein a cui avevano lavorato fin quasi al successo i Radicali italiani. Tutto ciò però non era segreto di Stato ma politica cieca, che ha condotto migliaia di americani a una guerra rovinosa e a una morte inutile, e ha provocato il disastro che dura tuttora e minaccia il crollo di quella parte del mondo.

Per questo la senatrice Feinstein ha potuto rivelare ciò che ha rivelato senza incorrere in alcuna accusa di tradimento (la violenza di Cheney è in vista della elezioni presidenziali del dopo Obama). Lo ha fatto perché ha coraggio e ha voluto tener fede al giuramento costituzionale di rispondere ai suoi elettori.

Molti italiani avrebbero potuto farlo in circostanze simili, ma hanno ritenuto utile e prudente tacere. E vorrei difendere Obama dalla accusa di "non aver mosso un dito". L'avversione di alcuni potentati del Pentagono contro il presidente è storia nota quasi solo in America e poco narrata anche in quel liberissimo Paese.

Infatti Obama stesso ha scelto la strada di aggirare quasi in silenzio certi ostacoli, per esempio svuotando a poco a poco Guantánamo con ordini presidenziali che non passano dal Congresso, sulla base di vari espedienti sostenuti di volta in volta dai media liberal e avversati ferocemente da quella Fox Television che è la fonte delle accuse di Cheney. Per capire la gravità della opposizione che assedia Obama si pensi che un presidente che ha mantenuto tutte le sue promesse, cominciando dalla riforma del sistema sanitario, e ha portato a una crescita del suo paese unica al mondo, del 5 per cento, ha perduto la maggioranza alla Camera e al Senato.

Ma è vero che il segreto di Stato pesa su quel Paese e sul nostro, dove però è "dichiarato" dieci volte di più che negli Usa, dove non si fanno avanti senatori come Feinstein, dove da decenni si bloccano inchieste e processi e accertamenti di fatti, in molti casi gravissimi. È questa la battaglia, combattuta da Pannella e dai Radicali per decenni, e sempre attualissima, in difesa dello Stato di diritto contro la ragion di Stato, di cui ha parlato Vecellio, nel suo ultimo articolo.

 

Furio Colombo

 
Lettere: ladri di cibo PDF Stampa
Condividi

di Alessandra Longo

 

La Repubblica, 7 gennaio 2015

 

Entrare in un supermercato con la fame addosso. Portarsi via le cose, rubarle, per puro istinto di sopravvivenza. Succede sempre più spesso che vengano sorpresi "i ladri di cibo", quelli che non lo farebbero mai ma ci provano, maldestramente, per mangiare. Le cronache ci raccontano di un senzatetto piacentino fermato in un negozio con le tasche gonfie.

"Ho fame e non so come fare", ha detto agli agenti. E sapete cosa hanno fatto quelli del 113, in accordo con il direttore del supermercato? Lo hanno portato in un fast-food e gli hanno pagato il pranzo. Sempre a Piacenza anche il secondo episodio di queste ore.

I poliziotti hanno intercettato un italiano di 51 anni che, dopo aver saltato una recinzione, rovistava nei cassonetti di un negozio di alimentari in cerca di avanzi e alimenti scaduti. Gli agenti hanno visto la scena. È calato il silenzio. Nessuna denuncia. Sono scene che fanno male.

 
Venezia: "In casa non ti rivogliamo"... e lui si uccide in cella a 19 anni PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi

 

Il Garantista, 7 gennaio 2015

 

L'ha fatta finita a Santa Maria Maggiore, Venezia. Era un ragazzo. Ed era stato arrestato per un furtarello prima di capodanno. Con l'anno nuovo si ricomincia la triste e inarrestabile conta delle morti in carcere. Domenica scorsa, un diciannovenne romeno, residente ad Appiano Gentile (Como), si è tolto la vita all'interno del carcere di Santa Maggiore a Venezia.

Era stato tratto in arresto alla vigilia di Capodanno per un reato contro il patrimonio, ovvero per un furto; un reato non grave, tanto è vero che il magistrato Andrea Gomez ha ritenuto dì non doverlo rinchiudere in carcere, ma affidarlo agli arresti domiciliari mentre è in attesa di giudizio.

La vicenda drammatica del ragazzo sarebbe iniziata con il fatto che i genitori avrebbero rifiutato di accoglierlo in casa. A quel punto, senza nessuna dimora dove scontare la custodia cautelare, al ragazzo è rimasta come una unica alternativa il carcere stesso. Ma non ha resistito perché dopo cinque giorni è stato ritrovato impiccato nella doccia della cella che divideva con altri detenuti. Nonostante il tempestivo intervento degli operatori sanitari del 118, per il giovane non c'è stato nulla da fare e, dopo numerosi tentativi di rianimazione, non e rimasto altro che constatare il decesso. Il ragazzo, sulla cui morte stanno attualmente indagando i carabinieri del nucleo investigativo, viveva in Italia da ben quattordici anni.

E un terribile dramma umano che mette di nuovo in luce il problema principale dei detenuti senza fissa dimora, e colpisce soprattutto gli stranieri. I reati di cui sono in genere responsabili i senza fissa dimora rientrano nella cosiddetta "micro-criminalità": la scarsa gravità dei reati da una parte, e dall'altra i benefici previsti dalla legge per pene di questo genere (affidamento ai servizi sociali, semilibertà, etc. etc.), farebbero pensare a buone possibilità di reinserimento per questa area di detenuti.

Oppure, proprio per i reati non gravi, hanno la possibilità di non essere rinchiusi in carcere mentre sono in attesa di giudizio. La realtà è un'altra e possono accadere anche eventi paradossali come la storia del clochard arrestato perché era "evaso" dalla panchina. Era agli arresti domiciliari.

Ma non avendo una casa, aveva eletto come domicilio una panchina del parco di Borgosatollo, un paese alla porte di Brescia. E il giudice aveva dato parere favorevole. Ma quando i carabinieri effettuarono il solito controllo, non vedendolo sulla panchina, lo considerarono alla stregua di un evaso.

E così, per il 43enne Ilario Bonazzoli, questo il nome del clochard, nel 2009 per arrivata la condanna in primo grado a 10 mesi dì carcere: la motivazione suona come una beffa recitando che l'imputato era colpevole "per non essersi fatto trovare a casa nonostante fosse agli arresti domiciliari". L'anno scorso la sentenza d'appello aveva ribaltato il primo grado e sancì che Bonazzoli doveva lasciare il penitenziario di Ivrea dove era attualmente detenuto.

Ma la questione del domicilio si ripropose inevitabilmente. Il problema, a quel punto, ricadde sui servizi sociali di Borgosatollo, dove il senza fissa dimora doveva risiedere: "Oggi come oggi, non saprei nemmeno dove alloggiarlo, non abbiamo strutture da offrirgli - commentò all'epoca il sindaco di Borgosatollo Francesco Zanardini. L'unico aiuto che gli possiamo dare è trovare una residenza fittizia".

Per i senza fissa dimora, il carcere non sarà mai la soluzione e la punizione non è utile per la stessa sicurezza sociale. I comportamenti - considerati "devianti" dalla società - tendono a ripetersi nel tempo per assenza di alternative sostanziali. L'esperienza di detenzione infatti si inserisce in situazioni personali e familiari spesso deprivate sia dal punto dì vista economico che culturale: questa posizione di svantaggio - assieme alla carenza di risorse del sistema di sicurezza sociale - fa sì che chi "sbaglia" una volta, paga una pena doppia: cioè la detenzione e la successiva esclusione ripetuta esclusione del contesto sociale e lavorativo.

Chi ha precedenti penali infatti avrà sempre poche speranze di trovare un lavoro regolarmente retribuito. Ad aggravare questa situazione è l'assenza di una fissa dimora; la ricerca dì un lavoro si presenta pressoché impossibile a meno che non si reperisce una sistemazione alloggiativa, ma altrettanto irraggiungibile per una persona sola senza un reddito fisso. Altrettanto difficile è, per loro, usufruire delle misure alternative alla detenzione. La prima difficoltà è dell'ordine economico: l'impossibilità di pagarsi un avvocato fa sì che debbano ricorrere alla difesa dell'avvocato d'ufficio.

Inoltre non sempre dispongono delle informazioni necessarie per richiedere i benefici di cui hanno diritto: è necessario un collegamento con l'esterno, una conoscenza delle risorse del sistema sociale che chi vive per strada spesso non ha. Un ruolo decisivo, come abbiamo già raccontato, è di nuovo determinato dalla possibilità di avere una dimora stabile che è indispensabile per ottenere misure alternative come gli arresti domiciliari o l'affidamento in prova al servizio sociale o delle licenze. Sarà forse il caso di evocare meno "giustizia penale" e invocare, invece, più "giustizia sociale"?

 

Suicida a 19 anni a Santa Maria Maggiore (La Nuova Venezia)

 

Il giovane si è impiccato nelle docce con un lenzuolo. La Procura apre un'indagine. il padre: "Voleva disintossicarsi".

Si è impiccato a 19 anni, nella doccia di una cella del carcere di Santa Maria Maggiore, domenica. È morto così un ragazzo di nazionalità rumena, ma residente sin da piccolo in provincia di Como - ad Appiano Gentile - arrestato il 31 dicembre a Venezia dai carabinieri, su ordine di custodia cautelare emesso dalla Procura di Como, per un reato contro il patrimonio: nulla di così drammaticamente grave, tanto che il giudice per le indagini preliminari Andrea Comez - che lo ha sentito in sede di interrogatorio di garanzia - avrebbe voluto disporre per lui gli arresti domiciliari, ma la madre ha negato l'autorizzazione ad accoglierlo in casa, dopo una vita di tribolazioni, tra i continui arresti, furti e "bravate" del figlio, con problemi di tossicodipendenza.

La donna sperava che tenendolo lontano dal Comasco, il ragazzo riuscisse a stare fuori dai guai e disintossicarsi. Invece il giovane Adrian è tornato in cella, ha portato con sé in doccia un lenzuolo e si è impiccato nel piccolo bagno: uno spazio non visibile, per questioni di privacy.

Nel tardo pomeriggio di domenica l'allarme, dato dai due compagni di cella che hanno tentato inutilmente di aiutarlo, come vano è stato l'intervento del personale del carcere (prima) e dei medici del Suem 118 (dopo).

Fino a tarda ora sono proseguiti gli accertamenti da parte dei carabinieri del Nucleo investigativo e dei Ris, alla presenza del pubblico ministero di turno, Lucia d'Alessandro, rimasta in carcere con gli investigatori fino alle 3 di notte, per sentire gli agenti di Polizia penitenziaria e i due compagni di cella del ragazzo.

Non è emersa alcuna responsabilità nella morte di Adrian da parte del personale del carcere o di altri detenuti, ma gli accertamenti proseguiranno con l'autopsia, affidata al medico legale Antonello Cirnelli: il suicidio di un ragazzo affidato allo Stato in un carcere è un dramma da chiarire in ogni aspetto.

Una vita così breve, eppure segnata più volte da piccoli furti, segnalazioni alle forze dell'ordine di Appiano Gentile, che ben conoscevano il ragazzo e i suoi problemi con la droga: Adrian a 14 anni era scappato di casa e da solo, alla guida di un'auto, aveva raggiunto il padre, che da anni abita in un furgone a Marghera. Poi i carabinieri lo avevano riportato indietro.

Agli investigatori ieri il padre, distrutto, ha raccontato che avrebbe dovuto incontrare il figlio a Venezia, per andare a visitare insieme una comunità. Invece erano scattate le manette - nella serata di san Silvestro - per quell'ordine di custodia in arrivo da Como: sabato 3 gennaio l'interrogatorio di garanzia e il ritorno a Santa Maria Maggiore in attesa del processo, non essendo stato possibile individuare un'abitazione per gli arresti domiciliari. Poche ore dopo, la tragedia di una famiglia.

 
Caltagirone (Ct): suicida agente di Polizia penitenziaria in servizio a Catania Bicocca PDF Stampa
Condividi

La Sicilia, 7 gennaio 2015

 

Un poliziotto penitenziario di 46 anni in servizio al nucleo traduzioni della casa Circondariale di Catania Bicocca, si è tolto la vita, nel primo pomeriggio, a bordo della sua macchina nelle campagne di Caltagirone, vicino al penitenziario della cittadina sicula.

Ne danno notizia il Sindacato autonomo polizia penitenziaria e l'Osapp. "Sembra davvero non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, uno dei cinque Corpi di Polizia dello Stato italiano" dice Donato Capece, segretario generale del Sappe che ricorda come "nel 2014 furono 10 i casi di suicidio nelle file della Polizia Penitenziaria".

Ancora oscure le cause che hanno portato l'uomo, sposato e padre di due figlie di 13 e 17 anni, al tragico gesto, ma Capece sottolinea come sia importante "evitare strumentalizzazioni ma fondamentale e necessario è comprendere e accertare quanto hanno eventualmente inciso l'attività lavorativa e le difficili condizioni lavorative nel tragico gesto estremo posto in essere dal poliziotto.

"È arrivato il momento che il nuovo Capo del Dipartimento cominci seriamente ad affrontare i problemi del Corpo e dei suoi uomini, perché adesso più che mai è diventato sempre più complicato, anche sotto l'aspetto psichico, fare il Poliziotto Penitenziario nelle carceri italiane", dice il segretario generale aggiunto dell'Osapp Domenico Nicotra.

 
<< Inizio < Prec. 9161 9162 9163 9164 9165 9166 9167 9168 9169 9170 Succ. > Fine >>

 

06

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it