Lunedì 19 Agosto 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Verona: detenuti in permesso ospiti nelle parrocchie, allestito un gazebo per raccolta aiuti PDF Stampa
Condividi

L'Arena, 1 marzo 2015

 

Una giornata insieme, pane fresco e una partita a calcio per raccontare una storia bella: quella della comunità parrocchiale di Povegliano che per un giorno, domani accoglierà alcuni detenuti della casa circondariale di Montorio, in permesso, accompagnati dai volontari della Fraternità di Verona, con Fra Beppe Prioli, e dell'associazione Tonino Bello che da decenni operano nel mondo delle carceri e che organizzano incontri con i familiari dei detenuti a Verona, a San Bernardino e a San Rocchetto. "Ora vogliamo fare testimonianza nelle parrocchie", spiega Fra Beppe. "E Povegliano ha accolto il nostro appello".

La giornata di solidarietà inizierà alle 8.30 quando i detenuti saranno accolti in parrocchia e incontreranno i loro familiari. Alle 11 sarà celebrata la messa da padre Angelo, attuale cappellano delle carceri di Montorio, insieme a frà Beppe e al diacono Fabio Mazzi, e col parroco di Povegliano don Daniele Soardo.

In piazza sarà allestita la tenda della solidarietà: saranno raccolti sapone, shampoo e dentifricio per i detenuti. "L'amministrazione penitenziaria", spiega frà Beppe, "ha tagliato le spese per l'igiene. I detenuti che hanno famiglia sono riforniti dai parenti, ma per chi non ce l'ha provvediamo noi attraverso queste raccolte". Fuori dalla chiesa, inoltre, si potrà acquistare il pane fresco infornato dalla cooperativa Vita che in carcere ha allestito un panificio dove sono impiegati i detenuti. Nel pomeriggio, i giovani della parrocchia sfideranno a calcio i loro ospiti.

Momento clou sarà la mattina. I volontari delle associazioni incontreranno le famiglie dei detenuti, ma soprattutto i carcerati potranno vedere i loro parenti o, per chi li ha lontano, telefonare: "Offriamo loro un momento per incontrarsi. Vedere i familiari fuori dal carcere o riuscire a chiamarli per telefono non è facile e dà forti emozioni: a volte non si sentono per molto tempo". E poi ci sono stranieri o detenuti che hanno i parenti altrove o hanno tagliato i ponti col passato e quindi domani potranno relazionarsi con la comunità di Povegliano e conoscere altre persone. Questo in vista di un loro rientro in società".

 
Prato: laboratorio teatrale di Luigi Lo Cascio coi detenuti-attori della Dogaia PDF Stampa
Condividi

Il Tirreno, 1 marzo 2015

 

Prato, l'ultima produzione realizzata coi detenuti dal collettivo artistico teatro Metropopolare è stata una rilettura della tragedia di William Shakespeare dal titolo "H2Otello". In occasione del suo Otello al Metastasio questa settimana, lunedì 2 marzo l'attore e regista Luigi Lo Cascio terrà un laboratorio con i detenuti-attori del Collettivo artistico Teatro Metropopolare che da anni realizza un corso teatrale all'interno del carcere di Prato. Ultima produzione realizzata dal collettivo alla Dogaia coi detenuti è stata proprio una rilettura della tragedia di William Shakespeare dal titolo "H2Otello".

Già nello scorso anno sono state ospitate le lezioni di Arianna Scommegna (Premio Ubu migliore attrice 2014), Roberto Latini (Premio Ubu migliore attore 2014) e Fausto Russo Alesi. Quello di Lo Cascio è il primo di una serie il primo di una serie di workshop di alta formazione che il collettivo ha previsto anche per il 2015.

Prosegue, inoltre, questa settimana "Invito a Teatro", il progetto realizzato da Metropopolare che prevede una serie di uscite speciali per alcuni dei detenuti più meritevoli del gruppo che segue il laboratorio, per assistere a spettacoli teatrali. Dopo la prima uscita a dicembre presso il Teatro della Pergola in occasione dello spettacolo "Il mercante di Venezia" per la regia di Valerio Binasco e con Silvio Orlando, i prossimi appuntamenti di "Invito a teatro" saranno "Otello" di Luigi Lo Cascio al Teatro Metastasio e "I giganti della montagna" di Roberto Latini, in programma al Teatro Cantiere Florida nella stagione "Materia Prima" organizzata da Murmuris Teatro.

L'obiettivo del progetto è quello di voler realizzare un continuum formativo che permetta loro di approfondire lo studio assistendo ad eventi teatrali scelti e sperimentarsi in luoghi preposti al lavoro attoriale. "Invito a Teatro" è un progetto realizzato in collaborazione con la C.C. La Dogaia e grazie al supporto di Teatro della Pergola, Teatro Metastasio e Teatro Cantiere Florida - Murmuris.

L'associazione Teatro Metropopolare lavora stabilmente a La Dogaia dal 2007 in un percorso di formazione e produzione teatrale che negli anni si è fatto sempre più professionalizzante e di alto livello. Inoltre il collettivo è impegnato, assieme alla direzione dell'istituto, a trasformare il proprio laboratorio teatrale in un cantiere culturale stabile aperto anche all'ospitalità di artisti di carattere nazionale: si ricordano i concerti di Paolo Benvengù nello scorso Luglio e quello di Peppe Voltarelli a dicembre, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Prato.

 
Chieti: calcio a 5; il Ct della nazione Roberto Menichelli in visita ai detenuti di Lanciano PDF Stampa
Condividi

www.divisionecalcioa5.it, 1 marzo 2015

 

Il Ct della nazionale in visita ai detenuti. Presente in questi giorni a Pescara per la Final Eight di Coppa Italia 2015, Roberto Menichelli è stato l'ospite d'onore sabato mattina nella Casa Circondariale di Lanciano, dove era in programma il "derby" tra gli ospiti del carcere e gli agenti di Polizia Penitenziaria. Si sono infatti affrontate le Fiamme Azzurre e la Libertas Stanazzo, squadra composta dai detenuti e che quest'anno sta partecipando al campionato federale abruzzese di Serie D nell'ambito del progetto "Mettiamoci in gioco" promosso da Lega Nazionale Dilettanti e Comitato Regionale Abruzzo, Divisione Calcio a cinque e Ministero della Giustizia.

Una presenza, quella del Ct della nazionale maschile e femminile, che ha voluto esaltare il valore dello sport in generale e del futsal in questo caso specifico come strumento di integrazione, all'insegna dei valori della correttezza e del fair play. Oltre al Ct, alla visita hanno preso parte il vice presidente vicario della Divisione Calcio a cinque, Alfredo Zaccardi, il consigliere del Comitato Regionale Abruzzo, Ezio Memmo, il responsabile regionale del calcio a cinque Alessandro Di Berardino. I giocatori della Libertas Stanazzo che hanno posato immortalati dai fotografi con il Ct Menichelli erano invece Germano Capasso, Salvatore Fiorillo, Carlo Finizio, Umberto Costagliola, Walter Pozone, Romualdo Gallo, Luciano Esposito, Nicola Castellano, Salvatore Panepinto, Gaetano Moschetti, Salvatore Trocchia, Vincenzo Russo, accompagnati dall'allenatore Nicola Paolucci.

 
Libri: "La storia di Nabuc", delirio per sorridere e pensare, di Massimiliano De Somma PDF Stampa
Condividi

Ristretti Orizzonti, 1 marzo 2015

 

"La storia di Nabuc - storie di straordinaria follia delirate ed allucinate dai ricoverati dell'Opg di Aversa", edito da Arduino Sacco e pubblicato nel gennaio 2015 con un'introduzione del famoso criminologo Prof. Francesco Bruno, è un originale libro che raccoglie storie, favole, racconti, poesie e fantasie create dagli ospiti coatti, malati di mente autori di reato, dell'ormai storico ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa.

Ultimo contenitore (insieme a pochi altri) di quella follia terrificante, seno cattivo gonfio del male della società e suo capro espiatorio, questo luogo raccoglie molto meno della pericolosità che si vuole attribuire ai suoi ricoverati, appellati tali da una presunzione di guarigione spesso difficile o addirittura impossibile.

Fra loro molti, utilizzando la scrittura e non solo, sono stati capaci di comunicare emozioni forti e coinvolgenti, amalgamate in deliri mai vuoti, ne senza senso.

Insalate di parole, ambivalenze cognitive, allucinazioni razionali, furto del pensiero e della parola, a volte del sogno, confusioni mentali, sgrammaticature e lapsus divertono e lasciano riflettere il lettore che si lascia andare in allegre risate, commozioni o meravigliate esclamazioni. Quanto c'è di identificativo o di proiettivo in tutto questo, si domanda l'autore, psicologo psicoterapeuta, Dott. Massimiliano De Somma?

La risata, a volte, continua l'autore, è la risposta agita ad una tensione accumulata. Sarà forse che ciò che abbiamo letto nelle parole, nelle favole o nelle poesie di un folle, abbia provocato in noi una tensione che ora sentiamo la necessità di scaricare?

Oppure abbiamo paura di riflettere troppo su quel delirio, per scoprire che in fondo anche noi siamo così, ma poi noi rimuoviamo per difendercene?

Questo ed altro può provocare la lettura di questi "brani folli" che facilitano nel lettore la sperimentazione di emozioni, vibrazioni e tensioni da scaricare ridendo o trattenere pensando, per lasciare alfine affiorare in superficie le parti rimosse di noi, quelle scisse, deliranti, non accettate ne mai integrate. Quelle di "Nabuc" sembrano allora storielle Zen.

Prive spesso di finale, o di quello che il lettore potrebbe considerare tale, lasciano in uno stato di sospensione ed ebrezza simile a quello onirico. Sgrammaticate, prive di punteggiatura, con parole spesso incomprensibili, sono state lasciate tali, senza censura ne correzione, affinché non venga alterata la loro funzione emotiva e, perché no, catartica. In fondo potrebbe funzionare: un folle, terapeuta per "sani"! Fateci sapere.

 
Immigrazione: l'apartheid in Calabria "fuori dai negozi dei bianchi" PDF Stampa
Condividi

di Antonio Alizzi

 

Il Garantista, 1 marzo 2015

 

A leggerla quasi non ci si crede. E invece, è tutto vero. A Cirò Marina, centro della costa jonica della provincia di Crotone, il sindaco Roberto Siciliani - un imprenditore eletto nel 2011 grazie al sostegno di una lista civica vicina al centrosinistra - ha ordinato al comando della polizia municipale di allontanare gli extracomunitari dagli esercizi commerciali della sua cittadina.

Amnesty International ha diramato una dura nota, criticando la scelta del primo cittadino che crea una spaccatura netta nel tessuto sociale cirotano.

Tutto questo è successo perché sono stati accertati due casi di scabbia all'interno di un istituto scolastico che avrebbero destato tanta preoccupazione tra la popolazione. È opportuno evitare che la malattia si diffonda nel territorio, ma è necessario chiedere ai vigili di bloccare le persone sistemate nel centro di accoglienza qualora fossero intenzionate ad avvicinarsi ai negozi o ad altre attività di Cirò Marina?

L'ordinanza del sindaco Siciliani - candidatosi in passato alla Provincia di Crotone con il "defunto" Udeur - è di lunedì scorso: "Nei giorni scorsi, presso un Istituto scolastico della città - si legge nel documento a firma del sindaco di Cirò Marina - sono stati riscontrati due isolati episodi di scabbia che hanno comunque determinato una sorta di allarmismo tra la popolazione. Considerato che a Cirò Marina è stato attivato un centro di accoglienza per minori extracomunitari non accompagnati e verosimilmente non assistiti da medico di famiglia, si ritiene indispensabile che tutti i presenti vengano periodicamente sottoposti ad adeguati controlli medici da parte dell'Asp competente".

Le polemiche però nascono nel passaggio successivo: "Poiché anche nel territorio limitrofo sono stati accertati casi di tal genere, in particolare tra gli extracomunitari giunti in seguito ai continui sbarchi", il primo cittadino invita "il Comando Polizia Municipale, nel pieno rispetto della persona umana, a scopo precauzionale, a voler porre in essere tutti gli accorgimenti necessari al fine di evitare che extracomunitari possano avvicinarsi in prossimità di esercizi commerciali o girovagare liberamente per le strade per chiedere questue o altro".

L'ordinanza termina con un'indicazione precisa per l'Asp di Crotone (Distretto di Cirò Marina, ndr) che secondo Siciliani dovrà "disporre accurati controlli presso la struttura Sant'Antonio di Cirò Marina, al fine di prevenire eventuali casi di scabbia non segnalati". Le associazioni di volontariato e le cooperative, che lavorano per aiutare gli immigrati, hanno già replicato al sindaco, citando l'articolo 3 della Costituzione: "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali".

Oggi la pari dignità sociale viene inficiata da tale documento, che l'avvocato Eugenio Naccarato, responsabile della circoscrizione Calabria di Amnesty International, ha giudicato "discriminatorio". "Le autorità - dichiara il legale cosentino - hanno il dovere di proteggere la salute di tutti coloro che si trovano sul loro territorio e di prendere misure a tale scopo, ma queste non devono avere contenuti discriminatori né indicare un intero gruppo di persone fuggite dalla guerra e dalla persecuzione come portatore di una minaccia alla salute pubblica, confinandolo socialmente o, ancora peggio, auspicando una compressione della libertà personale e di movimento". Naccarato in conclusione chiede al sindaco Siciliani di ritirare immediatamente il provvedimento adottato. L'imprenditore prestato alla politica farà un passo indietro o pretenderà che i vigili di Cirò Marina diano la "caccia" ai presunti immigrati malati?

 
<< Inizio < Prec. 8721 8722 8723 8724 8725 8726 8727 8728 8729 8730 Succ. > Fine >>

 

06

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it