Giovedì 17 Gennaio 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Milano: la "Christian music" di Roberto Bignoli nel carcere di Opera

PDF Stampa
Condividi

Ristretti Orizzonti, 6 gennaio 2015

 

L'artista, vincitore di premi internazionali, suonerà e presenterà alle persone detenute il suo libro, che racconta un'esperienza di vita basata sulla passione per la musica e sulla fede. Roberto Bignoli, artista di fama internazionale, tra i principali esponenti della Christian music, suonerà mercoledì 14 gennaio, alle ore 10, nel carcere di Opera, alle porte di Milano. L'iniziativa è di Cisproject-Leggere Libera-Mente, associazione culturale che si propone di favorire il reinserimento delle persone detenute nella cosiddetta società civile. Da diversi anni Bignoli, che ha pubblicato dodici album e cinque singoli, suona in tutto il mondo e la sua Ballata per Maria è diventata la sigla mondiale di Radio Maria. Nella sua carriera l'artista ha vinto cinque Unity Award e il Grammy Usa della musica cristiana internazionale.

Nel libro autobiografico Il mio cuore canta, Bignoli ha raccontato la sua particolare storia. All'età di un anno Roberto ha contratto la poliomielite, che gli ha provocato gravi difficoltà motorie obbligandolo a terapie continue e alle stampelle. Dopo un'infanzia difficile e il collegio, negli anni dell'adolescenza ha iniziato a suonare musica rock e ha condotto una vita di espedienti fino a quando, nel 1984, folgorato dal "mistero Medjugorje", ha deciso di dedicarsi alla Christian music per abbinare la passione per la musica alla fede religiosa.

"Siamo molto felici di portare la musica di Bignoli all'interno del carcere di Opera - dichiara Barbara Rossi di Cisproject-Leggere Libera-Mente. La musica è emozione, energia, entusiasmo, passione, e lo è ancora di più quando porta con sé messaggi di speranza come in questo caso. L'evento di mercoledì 14 gennaio sarà quindi una grande occasione di svago, ma anche di riflessione, per tutte le persone detenute, che vivranno una giornata da ricordare".

In occasione del concerto a Opera Bignoli sarà accompagnato dal musicista Mario Ferrara e racconterà la sua vita e il suo libro intervistato dal giornalista Renzo Magosso insieme ai corsisti del progetto "Leggere Libera-Mente", attivo da diversi anni nella Casa di Reclusione di Opera, che si occupa di biblioterapia con le persone detenute attraverso la lettura, la scrittura creativa, poetica, autobiografica, giornalistica. Ulteriori informazioni sono disponibili all'indirizzo www.leggereliberamente.it.

 

Roma: l'attore Gigi Proietti guest star al pranzo in carcere a Rebibbia

PDF Stampa
Condividi

Ansa, 6 gennaio 2015

 

Pranzo d'inizio anno eccezionale per i detenuti del carcere romano di Rebibbia. Ospite d'onore uno degli attori più amati e popolari di Roma, Gigi Proietti, amato dai tanti ristretti - in prima fila i disabili del braccio G11 - soprattutto per le sue performance in "Febbre da cavallo", film cult ormai da decenni.

Proietti, più volte applaudito, ha raccontato due barzellette e accennato brevemente a una canzone del suo repertorio, scusandosi per la voce bassa dovuta all'influenza. "I detenuti mi hanno riservato un'accoglienza così calorosa da risultare inspiegabile -ha detto più tardi ai cronisti-Mi è venuta voglia di fare una "mandrakata" (una via di mezzo tra truffa e trucco attorno cui ruota tutto il film, ndr) per tutti loro, perché vivano qui dentro al meglio".

Il direttore del carcere, Mauro Mariani, in apertura del pranzo ha in particolare auspicato che "aumentino le occasioni di recupero dei detenuti attraverso il lavoro", sia con le diverse attività attualmente presenti in carcere, l'ultima di queste la torrefazione che produce il "Caffé Galeotto", sia con nuove opportunità offerte ai detenuti dagli imprenditori interessati, tra cui "alcuni -ha detto infine Mariani- presenti oggi".

 

Televisione: precisazione del Dap in merito al documentario "Sbarre" del 4 gennaio

PDF Stampa
Condividi

Adnkronos, 6 gennaio 2015

 

"Domenica 4 gennaio 2015, Rai1 - Speciale Tg1 ha trasmesso il documentario "Sbarre" di Daniele Segre, realizzato a luglio 2013 nella casa circondariale di Firenze Sollicciano. Nel documentario sono state riportate dichiarazioni di detenuti che rappresentavano una condizione detentiva complessiva che, per un verso, non era del tutto rispondente alla situazione di allora, come precisato dal Provveditore regionale della Toscana, mentre dall'altro verso non tiene conto dei miglioramenti delle condizioni detentive che si sono evoluti da allora ad oggi, ciò in armonia ai principi enunciati dalla Cedu.

Nel luglio 2013 i detenuti fruivano di cinque ore di permanenza fuori della stanza di detenzione, come confermato dal Provveditore regionale, e non di due ore come affermato da alcuni intervistati, mentre allo stato attuale i detenuti fruiscono di otto ore di permanenza al di fuori della camera di pernottamento.

Nel luglio 2013 erano presenti a Sollicciano 1004 detenuti, oggi ne sono presenti 741. Ciò ha comportato un notevole miglioramento delle condizioni di detenzione e di vivibilità all'interno delle sezioni detentive, con l'ampliamento degli spazi destinati al solo pernottamento. Le condizioni di pulizia degli ambienti detentivi sono in progressivo miglioramento, così come la dotazione di prodotti e attrezzature igieniche, grazie anche a risorse impegnate nel settore in misura quasi doppia rispetto al passato (125.000 euro nel 2013 e 210.000 euro per il 2014).

Nel corso del 2014 sono stati finanziati interventi per riparazioni alla struttura per circa 260.000 euro, che hanno permesso di migliorare le condizioni strutturali dell'istituto. Si precisa, altresì, che il personale di Polizia Penitenziaria in forza all'istituto era, nel luglio 2013, di 488 unità, oggi è di 496 unità, con una presenza media nei turni di tre unità per ogni piano che ospita 80 detenuti. Pertanto, anche sotto questo profilo, le notizie riportate nel servizio non erano né attuali, né rispondenti al vero. Da una verifica fatta, gli spazi destinati al pernottamento attualmente fruibili dai detenuti intervistati rispondono ai parametri indicati dalla Cedu".

 

Mondo: pena di morte, Pakistan e Giordania rispolverano il patibolo

PDF Stampa
Condividi

di Chiara Nardinocchi

 

La Repubblica, 6 gennaio 2015

 

I governi di Amman e Islamabad hanno sospeso la moratoria. Mentre Arabia Saudita e Iran segnano il primato in negativo degli ultimi anni circa il numero delle esecuzioni. Un passo nella direzione opposta arriva dal Maryland dove quattro condannati sono stati salvati dalla pena capitale.

Un anno finito male per i sostenitori della moratoria sull'abolizione della pena di morte. A fermare il trend positivo che aveva visto negli ultimi anni sempre più Stati virare perso l'abolizione, sono stati Pakistan e Giordania che il 21 dicembre 2014 hanno ripreso le esecuzioni. Un brutto colpo per le associazioni umanitarie come Nessuno tocchi Caino impegnate nella lotta contro il sistema capitale.

Il ritorno del Pakistan. Dopo sei anni di moratoria de facto, Islamabad è tornata sui suoi passi. Una decisione presa dopo l'attacco alla scuola di Peshawar del 16 dicembre 2014, quando sette appartenenti al gruppo del Tehrik-i-Taliban Pakistan (i talebani pakistani) ha aperto il fuoco uccidendo 141 persone, la maggior parte bambini. Il giorno seguente, il presidente Nawaz Sharif ha annunciato la fine della moratoria per i reati legati al terrorismo. Dal 21 al 31 dicembre sono state giustiziate cinque persone nelle prigioni di Faisalabad e Peshawar, colpevoli di aver preparato e messo in atto l'attentato contro il generale Pervez Musharraf nel 2003.

In Giordania. Ancora più drastica la decisione di Amman, che dopo otto anni di sospensione, il 21 dicembre 2014 ha ripreso le esecuzioni impiccando undici uomini condannati per omicidio nel Centro di correzione e riabilitazione di Swaqa, una prigione a circa 70 chilometri dalla capitale. "Alcuni prigionieri - ha riferito una fonte interna al carcere all'agenzia di stampa Petra - hanno chiesto di dare un ultimo messaggio alle loro famiglie, altri solo di fumare una sigaretta".

Dal 2006, anno dell'ultima esecuzione in Giordania, più di 120 persone sono state condannate alla pena capitale per omicidio, stupro di minori e spionaggio, ma le loro sentenze non sono state eseguite. Un'altra dimostrazione della fermezza della sua decisione Amman l'ha dato sul palcoscenico internazionale. Il 18 dicembre 2014, infatti, il rappresentante giordano all'Assemblea generale delle Nazioni Unite si è astenuto durante la votazione sulla Risoluzione per una moratoria sull'uso della pena di morte.

Iran e Arabia Saudita. Un record in negativo anche per Teheran e Riyad, che nell'anno appena concluso hanno registrato il maggior numero di esecuzioni degli ultimi anni. Una tendenza che non sembra arrestarsi dato che in soli quattro giorni (dal 29 dicembre al 1° gennaio) tre persone sono state decapitate dallo stato saudita per reati di omicidio e traffico di droga, facendo salire così a 86 le esecuzioni del 2014, il numero più alto degli ultimi cinque anni. Mentre, secondo l'Iran Humans Rights Documentation center nel 2014 Teheran ha giustiziato almeno 707 persone, un numero impressionante, che segna un 10% in più rispetto al 2013.

Buone notizie dagli Stati Uniti. Un passo, ma nella direzione opposta, l'ha fatto lo Stato del Maryland, il 18° stato statunitense, nell'aver abolito la pena di morte. Promulgata il 15 marzo 2013, l'abolizione non aveva carattere retroattivo, così il 31 dicembre il governatore Martin O'Malley ha deciso di commutare in ergastoli senza condizionale le condanne a morte degli ultimi quattro detenuti nel braccio della morte. "In un governo rappresentativo - ha detto O'Malley - le esecuzioni di Stato rendono ogni cittadino partecipe di un omicidio legalizzato". Inoltre, dopo l'abolizione in Maryland, non era in vigore nessun protocollo di esecuzione, quindi giustiziare i quattro condannati rimasti nel braccio della morte sarebbe stato "legalmente e di fatto impossibile", ha detto Doug Gasler procuratore generale dello Stato.

 

Stati Uniti: Enrico "Chico" Forti dopo sedici anni riceve visita in carcere della figlia

PDF Stampa
Condividi

Ansa, 6 gennaio 2015

 

"Dopo sedici anni Chico ha ricevuto la visita di sua figlia. Mi ha detto che per lui è stato un grandissimo regalo di Natale". Lo ha raccontato oggi a Trento Gianni Forti, zio di Enrico "Chico" Forti, l'imprenditore trentino di 56 anni condannato all'ergastolo per l'omicidio dell'australiano Dale Pike, avvenuta nel 1998 a Miami, e in carcere da quasi quindici anni in Florida e sempre dichiaratosi innocente.

È avvenuto nel corso di una conferenza stampa per presentare un concerto organizzato in Trentino per il 9 gennaio dal Comitato "Una chance per Chico", per raccogliere fondi per le spese legali per agire in modo da ottenerne la scarcerazione. "Chico mi ha detto che quello con la figlia è stato un incontro molto emozionante - ha aggiunto lo zio, che lo ha portato quasi in uno stato di grazia e che spera di riabbracciare da uomo libero i suoi figli. Anche il fatto che i vecchi amici non lo dimentichino per lui è importante. Se questa volta ce la facciamo, è anche grazie alle iniziative che gli amici organizzano, come il concerto". Amici che in carcere vanno a trovarlo, così come di recente, lo scorso 11 dicembre, da Chico Forti è andato il sottosegretario Mario Giro, accompagnato dal console generale d'Italia a Miami, Adolfo Barattolo, dopo che il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha consegnato due giorni prima al segretario di Stato americano John Kerry un promemoria sulla vicenda di Forti. A Chico Forti intanto, ha riferito lo zio, "è stato dato in carcere un diploma al merito, perché ha organizzato corsi per il reinserimento dei detenuti, tanti da coinvolgere centinaia di carcerati e anche altri quindici docenti esterni e da avere visto la visita di commissioni da altri penitenziari, per studiarne il modello".

 

Concerto-evento per finanziare le spese legali

 

Raccolta di fondi del Comitato "Una chance per Chico", mentre l'avvocato newyorkese Joe Tacopina sta per aprire nuove strade per ottenere la libertà di Enrico Forti. L'imprenditore trentino, 56 anni, fu condannato all'ergastolo nel 2002 per l'omicidio dell'australiano Dale Pike, avvenuta nel 1998 a Miami, ed è in carcere da quasi quindici anni in Florida, ma si è sempre dichiarato innocente.

Un concerto-evento è stato organizzato per il 9 gennaio a Cavalese, per raccogliere denaro per le spese legali. Un'iniziativa che segue le altre del Comitato, organizzate negli anni tra l'altro a Riva del Garda e a Trento. Per sette volte la famiglia e gli amici del Comitato hanno tentato di ottenere, ma invano, la revisione del processo "e ora riproverà il nuovo legale, Tacopina, che in alternativa chiederà l'annullamento alla Corte federale - ha spiegato Gianni Forti - zio di Chico, in una conferenza stampa a Trento - visti gli ormai evidenti errori del processo che ha portato alla sua condanna".

Un obiettivo, quello della revisione delle accuse nei confronti di Forti, che ha visto muoversi il ministero degli Esteri italiano, così come l'approvazione unanime di una mozione alla Camera, oltre che del Consiglio provinciale del Trentino. Al concerto del 9 gennaio il Comitato degli amici, col presidente Lorenzo Moggio, ha annunciato anche la presenza del presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, e di esponenti della Fisi, in vista delle gare di sci.

"Nello spirito di Chico - ha sottolineato - che sapeva unire cultura, solidarietà e sport". Il concerto, con contributo di 35 euro che sarà interamente devoluto e darà ai partecipanti il voucher per il tour del gusto della domenica, vedrà al violino Patrizia Bettotti e al pianoforte Edoardo Bruni, due artisti trentini, con repertorio classico e musiche di Dvorak, Schumann, Beethoven e Wieniawski.

 
<< Inizio < 7861 7862 7863 7864 7865 7867 7869 7870 > Fine >>



06


06

 

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it