Giovedì 29 Settembre 2016
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Israele: Human Rights Watch denuncia "i coloni sfruttano i bambini palestinesi"

PDF Stampa
Condividi

di Roberto Prinzi

 

Il Manifesto, 16 aprile 2015

 

Uno degli aspetti meno dibattuti dell'occupazione israeliana della Cisgiordania è lo sfruttamento della manodopera palestinese, soprattutto minorile. Un rapporto intitolato "Maturi per l'abuso: il lavoro minorile palestinese negli insediamenti agricoli israeliani in Cisgiordania", pubblicato dalla ong Human Rights Watch (Hrw), rivela che le colonie, principalmente quelle della Valle del Giordano, impiegano bambini palestinesi anche di 11 anni (violendo la legge internazionale che stabilisce come età minima 15 anni) pagandoli poco e in condizioni di lavoro definite "pericolose".

Negli insediamenti israeliani i bambini palestinesi lavorerebbero a temperature altissime trasportando carichi pesanti e sarebbero esposti agli effetti dannosi dei pesticidi. Secondo il rapporto, i bambini lasciano la scuola per raccogliere, pulire e confezionare gli asparagi, i pomodori, le melanzane, i peperoncini dolci, le cipolle e i datteri. In alcuni casi, sono i bambini stessi a provvedere alle spese mediche causate dalle condizioni di lavoro dure e pericolose a cui sono soggetti. L'area della Valle del Giordano è la zona in cui si trovano i maggiori insediamenti agricoli israeliani e corrisponde a circa il 30% della Cisgiordania.

I 38 bambini intervistati sostengono di percepire 10 shekel all'ora (2.70 dollari) o 70 shekel (19 dollari) al giorno. In Israele e nelle colonie la paga media nel 2012 (l'ultimo dato al momento disponibile) era di 407 shekel (110 dollari) al giorno. Usa parole dure Sarah Leah Whitson, direttrice per il Medio Oriente e il Nord Africa di Hrw. "Le colonie israeliane fanno profitto abusando dei diritti dei bambini palestinesi i quali, provenendo da comunità impoverite dalla discriminazione di Israele e dalle politiche in vigore nelle colonie, abbandonano la scuola e iniziano lavori pericolosi perché pensano di non avere alternative. Di fronte a tutto questo, Israele chiude gli occhi".

Ad essere colpevoli dello sfruttamento dei giovanissimi, sottolinea l'ong, sono però anche gli intermediari palestinesi (wasiit in arabo) il cui compito è quello di trovare manodopera a basso prezzo per i padroni israeliani. David Elhayani, a capo del Consiglio regionale della Valle del Giordano, ha definito "disonesti" i dati forniti da Hrw. Secondo Elhayani, il Consiglio impiega 6.000 palestinesi ogni giorno, ma non minori.

"È una bugia orribile - ha dichiarato - non c'è alcuna giustificazione né morale, né legale e né finanziaria per impiegare dei bambini". Ma se sono difficili le condizioni di vita in Cisgiordania, restano drammatiche quelle nella Striscia di Gaza. Sei mesi dopo che i paesi donatori avevano promesso di destinare 5,4 miliardi di dollari per il piccolo lembo di terra palestinese devastato la scorsa estate dai 50 giorni dell' operazione militare israeliana "Margine protettivo", la ricostruzione continua a procedere molto lentamente e il denaro resta bloccato. Lo hanno denunciato ieri 45 associazioni e ong dell'Aida (Association of International Development Agencies).

"Se non cambiamo corso ora e affrontiamo le questioni chiave, la situazione a Gaza continuerà a peggiorare. Senza una stabilità economica, sociale e politica, un ritorno ad un conflitto sarà inevitabile" ha detto la coalizione tra cui spiccano i nomi di Care International, Oxfam, Save the Children. "Solo il 26,8% del denaro è stato rilasciato, la ricostruzione è a mala pena cominciata e le persone a Gaza continuano a vivere in pessime condizioni" ha aggiunto Aida.

Secondo il suo rapporto, la guerra ha distrutto 12.400 case e ne ha danneggiato 160.000 lasciando senza un tetto 100.000 palestinesi. Il documento critica entrambe le parti del conflitto ritenendole legalmente responsabili per la situazione che si è venuta a creare. "La comunità internazionale - si legge nel testo - deve chiedere una fine delle violazioni della legge internazionale e considerare responsabili tutte le parti. Deve, inoltre, fare in modo che ciò non si ripeta più".

 

Giustizia: per l'Unione europea la presunzione d'innocenza è un diritto fondamentale

PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi


Il Garantista, 15 aprile 2015

 

Iniziato iter per la Direttiva. Il giustizialismo è diventato un problema europeo e la commissiono europarlamentare vuole correre ai ripari. "La presunzione d'innocenza è un diritto fondamentale e anzitutto un principio essenziale che intende garantire da abusi giudiziari e giudizi arbitrari nei procedimenti penali!", ha dichiarato la francese Nathalie Griesheck, relatore del provvedimento in Commissione Libertà civili che prevede una normativa in grado di dissuadere le autorità giudiziarie nazionali dal fare dichiarazioni sulla colpevolezza di un condannato prima del giudizio definitivo, o che violino i principi dell'onere della prova (che spetta alla pubblica accusa), quello di rimanere in silenzio durante gli interrogatori e quello di essere presenti fisicamente al proprio processo.

Leggi tutto...
 

Giustizia: quando i processi si preferisce farli con le rotative

PDF Stampa
Condividi

di Francesco Damato


Italia Oggi, 15 aprile 2015

 

Il "1992" raccontato da Sky, comprensivo però di fatti accaduti in anni successivi, e al netto di una certa fantasia confessata dagli stessi autori della fortunata seria televisiva, ha il merito di avere stimolato, fra critiche e condivisioni, anche qualche ammissione utile a capire meglio quella stagione. Che segnò sicuramente una svolta nella storia del paese, ma non esattamente quella che alcuni protagonisti immaginavano, compreso l'allora capo della Procura della Repubblica di Milano, Francesco Saverio Borrelli.

Leggi tutto...
 

Giustizia: detenuti trasferiti a casaccio... per far sembrare le carceri meno affollate

PDF Stampa
Condividi

di Marta Rizzo


La Repubblica, 15 aprile 2015

 

I trasferimenti da Rebibbia presso altri penitenziari, disposti il 10 aprile scorso, sono stati revocati. Condannati che da un luogo di Alta Sicurezza spostati in luoghi lontanissimi e che ora tornano a Rebibbia. La soppressione del trasferimento per l'intervento del Garante dei Detenuti del Lazio al Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria (Dap). I viaggi paradossali dei detenuti.

Leggi tutto...
 

Giustizia: con i cosiddetti "reati tenui" resteranno impuniti delinquenti da far paura

PDF Stampa
Condividi

di Domenico Cacopardo (Magistrato)


Italia Oggi, 15 aprile 2015

 

Mi avevano insegnato che tra legalità e illegalità non è possibile compromesso e che i grandi criminali hanno sempre iniziato commettendo piccolo crimini. Era tutto sbagliato. Tra legalità e illegalità è possibile un compromesso. Si chiama tenuità e riguarda tutti i reati con pena tabellare sino a 5 anni: il giudice si occuperà di quelli "realmente meritevoli" di sanzione, secondo la propria valutazione (discrezionale). E poi, in autunno, arriveranno le sospensioni dei procedimenti con la "messa in prova" dei rei e la riforma della custodia cautelare, applicabile solo nei casi più estremi con motivazioni stringenti e precise. Qui, il legislatore è incorso in un "lapsus freudiano", ammettendo indirettamente che l'uso della custodia cautelare è piuttosto "garibaldino" e insufficientemente motivato.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < 2941 2943 2945 2946 2947 2948 2949 2950 > Fine >>

 

 

 

 

 

 

 progetto_carcere_scuole

 

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it