Domenica 26 Febbraio 2017
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Dov'è la legge contro la tortura?

PDF Stampa
Condividi

di Roberto Saviano

 

L'Espresso, 26 febbraio 2017

 

Renzi si era impegnato a introdurre il reato nel codice italiano. Ma tutto è fermo per i ricatti dei partiti di destra. Ci sono messaggi che vanno lanciati nel mare, come messaggi nelle bottiglie. Li scrivi, li arrotoli e aspetti, soprattutto speri. Speri che qualcuno li trovi, li raccolga.

Leggi tutto...
 

Roma: 22enne suicida a Regina Coeli. "Era malato psichiatrico non doveva stare in cella"

PDF Stampa
Condividi

di Rinaldo Frignani

 

Corriere della Sera, 26 febbraio 2017

 

In meno di tre settimane era evaso tre volte dalla Rems di Ceccano, una Residenza di riabilitazione per pazienti con problemi psichiatrici gestita con la collaborazione del ministero della Giustizia. E tutte le volte Valerio G., 22 anni, era stato ripreso dopo pochi giorni. Finché venerdì il giovane, arrestato di nuovo poco tempo fa per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento, è stato trovato morto nella sua cella nella seconda sezione del carcere di Regina Coeli.

Leggi tutto...
 

Ascoli Piceno: botte nel carcere di Marino del Tronto, la Procura indaga

PDF Stampa
Condividi

di Luigi Miozzi

 

Corriere Adriatico, 26 febbraio 2017

 

Dopo l'omicidio Mestichelli da accertare presunti casi di maltrattamenti. La sentenza emessa dal Gup di Ascoli Anna Maria Teresa Gregori per l'omicidio di Achille Mestichelli, oltre a condannare il venticinquenne tunisino Mohamed Ben Alì a sedici anni di reclusione, mette nel mirino anche il carcere di Marino del Tronto.

Leggi tutto...
 

Padova: il Garante dei diritti dei detenuti che non c'è

PDF Stampa
Condividi

di Francesca Vianello

 

off-line.news, 26 febbraio 2017

 

Mentre a livello nazionale è stata finalmente istituita e sta cominciando a lavorare la figura del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, il Comune di Padova continua da anni a disdegnare l'invito a formalizzare la corrispondente figura locale, ormai presente da tempo in quasi tutti gli altri capoluoghi veneti (dal 2010 a Vicenza, a Verona e a Rovigo, dal 2013 a Venezia, dal 2014 a Belluno).

Leggi tutto...
 

Napoli: record di "arresti facili", lo scorso anno sono state 174 le ingiuste detenzioni

PDF Stampa
Condividi

di Angelo Agrippa

 

Corriere del Mezzogiorno, 26 febbraio 2017

 

I dati del 2016. Il ministro Costa: "Ormai è una vera patologia". Angelo Massaro, 51 anni, tarantino, ha trascorso 21 anni dietro le sbarre prima di essere scagionato del tutto dall'infamante accusa di omicidio. Ma anche chi non ha conosciuto il carcere, come il consigliere regionale ed ex presidente del Pd campano, Stefano Graziano, ha dovuto attendere quasi un anno (e i tempi, dicono, sono stati abbastanza rapidi) prima di veder sfumare prima le accuse di concorso esterno in associazione camorristica e poi di corruzione elettorale.

Tanto che ora ha annunciato un'azione di risarcimento a tutela della propria reputazione rovinata "da una campagna mediatica e politica particolarmente aggressiva". I dati, purtroppo, parlano chiaro. Nel 2016 sono state 1.001 le ordinanze emesse dagli organi giurisdizionali relativi ai pagamenti effettuati per riparazioni di ingiuste detenzioni ed errori giudiziari, pari a una cifra netta di 42.082.096 euro. Nel 2015, le autorizzazioni totali erano state 1.188; 1.012 nel 2014; 761 nel 2013; 823 nel 2012; 1.720 nel 2011; 1.329 nel 2010.

Il numero maggiore di ordinanze nel 2016 per ingiuste detenzioni riguarda il distretto della Corte d'appello di Napoli (145) seguita da Catanzaro (104), Catania (76), Bari (73), Roma (69), Lecce (58), Palermo (52), Salerno (48), Milano (46), Messina (44), Reggio Calabria (36), Ancona (34), Bologna (28), Torino (23), Genova (23), Potenza (19), Venezia (17), Perugia (17), L'Aquila (17), Firenze (13), Caltanissetta (12), Brescia (11), Trieste (6), Taranto (4), Campobasso (4), Cagliari (3), Sassari (3), Trento (2). Per errori giudiziari, le ordinanze sono state 7 quelle emesse nel distretto della Corte d'appello di Perugia e una ciascuno emessa in quelle d'Appello di Brescia, Venezia, Catanzaro, Reggio Calabria e Catania.

Negli ultimi 25 anni (dal 1992 al 2016) sono stati pagati importi pari a 648.351.034 euro per ingiuste detenzioni e 43.383.663 euro per errori giudiziari, per un totale pari a poco meno di 700 milioni di euro. "Troppo spesso - ha commentato l'ex viceministro della Giustizia e attuale ministro per gli Affari regionali, Enrico Costa - si considerano fisiologici gli errori giudiziari e le ingiuste detenzioni. Invece, è un fenomeno patologico della nostra Giustizia, di cui occorre comprendere le cause per affrontarle e risolverle".

 
<< Inizio < Prec. 1 3 4 5 6 7 8 9 10 > Fine >>

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it