Venerdì 14 Dicembre 2018
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Vibo Valentia: diritti dei detenuti e sicurezza del cittadino al festival Leggere & Scrivere

PDF Stampa
Condividi

strill.it, 17 ottobre 2015

 

Equilibrio tra istanze della sicurezza, necessità di repressione e rispetto dei diritti del cittadino. Se ne è discusso nell'incontro "Diritto alla sicurezza e sicurezza dei diritti", moderato dall'avvocato Agostino Caridà. La dignità umana è intangibile, ha ribadito Patrizio Gonnella presidente dell'associazione "Antigone". Un principio categorico difeso dalla legislazione europea. Concreto l'intervento di Mario Antonio Galati, in qualità di direttore della Casa circondariale di Vibo Valentia. In un primo momento la necessità dell'istituzione penale si concentrava sulla neutralizzazione dei soggetti pericolosi e la loro riabilitazione, in una visione "medicalizzata del detenuto". Dal 2006, da una finalità riabilitativa, si passa al riconoscimento dei diritti. Il procuratore Mario Spagnuolo quindi, è entrato ancor più nello specifico parlando dell'evoluzione della condizione del detenuto, partendo da esempi immediati: "I lavori forzati - ha illustrato - erano legati al sistema capitalistico, oggi queste esigenze non le abbiamo e la repressione altro non è che espressione della società e del modo di essere della stessa".

Rispetto al passato, il legislatore ha dato un chiaro messaggio: "Adesso per noi chiedere il carcere è divenuto un percorso ad ostacoli, estremamente difficile". Previste una serie di misure "alternative" come i domiciliari o l'affidamento in prova ai servizi sociali; salvo poi "quando si verifica il fatto eclatante e spaventoso, diventare tutti forcaioli".

Sul lato "umano" dell'esperienza carceraria, si sono focalizzati i contributi di Patrizio Gonnella: "La vita carceraria - ha analizzato - è fatta di corpi, "parliamo 53 mila persone, che provengono per lo più dagli strati bassi della società. Circa il 33% sono extracomunitari, ed il grado di scolarizzazione è simile al secondo dopoguerra". Non per questo il carcere deve essere considerato una discarica sociale.

 

 

 



06


  06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it