Venerdì 15 Febbraio 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Verona: corriere dell'eroina suicida dietro le sbarre

PDF Stampa
Condividi

Il Mattino di Padova, 9 febbraio 2019

 

L'avevano arrestato i carabinieri del Nucleo investigativo di Padova il 12 gennaio scorso in una piazzola di sosta lungo l'A4 nel Veronese, stava portando in città 20 chili di eroina. L'altro ieri Adelaja Abodunrin, 40 anni, nigeriano, si è tolto la vita nel carcere veronese di Montorio dove si trovava in attesa di giudizio.

Aveva provato a togliersi la vita anche il giorno del suo arresto e per questo era stato portato in Psichiatria. Martedì, il giorno prima dell'insano gesto, il tribunale del Riesame gli aveva negato la libertà. Non ha retto il peso di questa decisione, soffriva molto la detenzione. Si è impiccato in cella pochi attimi prima della perquisizione delle camere di detenzione.

Il blitz come detto era scattato il 12 gennaio scorso, i carabinieri avevano avuto una soffiata sul passaggio di un grosso carico di eroina stipato in un camion di trasporto merci. E la segnalazione si è rivelata esatta. Il tir era in sosta nel parcheggio dell'area di servizio dal pomeriggio fino a sera tarda. I carabinieri padovani erano appostati e attendevano il corriere che doveva prendere la droga. È arrivato lui, il nigeriano a bordo di un taxi alle 22. Aveva con sé un borsone nero che ha consegnato all'autista, salendo anch'egli sul mezzo pesante.

 

 

 



06


06

 

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it