Venerdì 15 Febbraio 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Verini (Pd): "Una legge per difendere i giornalisti"

PDF Stampa
Condividi

di Giovanna Casadio

 

La Repubblica, 11 febbraio 2019

 

Verini, primo firmatario della riforma sulla diffamazione: "Il Parlamento tuteli la libertà di stampa". Eppure una proposta di legge c'è, in difesa del giornalismo d'inchiesta e che scioglierebbe il "caso Unità" di cui ha parlato ieri Concita De Gregorio sulle pagine di Repubblica. Non una legge per pochi, ma per la libertà di tutti e per mettere in salvaguardia un principio fondamentale: non si minacciano i giornalisti né con la pistola puntata e neppure con l'avvertimento economico che suona: "Ti tolgo tutto così vediamo se hai ancora la voglia di parlare".

La legge semplicemente riforma la diffamazione a mezzo stampa. Nella passata legislatura, per l'esattezza nel 2015, fu approvata dalla Camera, d'accordo anche i forzisti e la Lega astenuta. Ma poi si è arenata al Senato, come d'altra parte in quello scorcio di legislatura accadde per lo Ius soli o per la legge contro l'omofobia (appena riproposta da Ivan Scalfarotto).

"L'ho ripresentata nel marzo scorso, appena è stato possibile - spiega Walter Verini, dem, primo firmatario della proposta di riforma sulla diffamazione sin dalla passata legislatura -. Non è cucita addosso al "caso Unità", ma a partire anche da quello, però, ricorda a tutti che così muore un pezzo di libertà". "E allora, stiamo attenti", aggiunge Verini. Se un editore infatti è desaparecido - nel senso che non edita più, non c'è più - la scure della richiesta di risarcimento si abbatte solo su cronista e direttore che pagano per tutti. Quindi un cronista che denuncia la tratta di esseri umani, le mafie, la corruzione politica ed è un free lance, pagato a pezzo - ricorda De Gregorio - è facile e isolato bersaglio dei poteri che denuncia.

Nella "legge Verini", sin dall'inizio appoggiata dalla Fnsi, si toglie il carcere per i giornalisti e si disincentivano le cosiddette querele temerarie che sono l'arma alla tempia di giornalisti e siti, soprattutto nella zone più a rischio del paese. Il Pd ha chiesto che il dossier sulla diffamazione sia riaperto e al presidente della Camera Roberto Fico e alla presidente della commissione Giustizia, Giulia Sarti ha posto l'urgenza della calendarizzazione.

"Riparliamone e al più presto", è il leitmotiv di Verini e degli altri parlamentari che la sostengono. E il 20 marzo prossimo la manifestazione a 25 anni dall'assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin sarà un'occasione per parlare anche di questo.

 

 

 



06


06

 

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it