Domenica 21 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Venezia: mense in carcere, indetto lo sciopero alla Giudecca e S. Maria Maggiore

PDF Stampa
Condividi

La Nuova Venezia, 4 febbraio 2019

 

La protesta delle lavoratrici di Food Facility per il mancato pagamento degli stipendi. Disagi nelle carceri venete. Dopo l'avvertimento dei giorni scorsi, arriva anche l'ufficialità: mercoledì prossimo, la mensa delle carceri veneziane (Santa Maria Maggiore e la casa di reclusione femminile della Giudecca) si fermerà per un giorno.

La causa è lo sciopero dei lavori e delle lavoratrici della Food Facility, azienda che rientra all'interno del consorzio Unilabor e incaricata del servizio di mensa all'interno delle carceri del Veneto. La protesta (indetta dalle sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil) esplode dopo le proteste degli ultimi mesi a causa del mancato pagamento delle mensilità ai lavoratori, e coinvolge anche i penitenziari di Udine, Treviso, Vicenza, Rovigo, Pordenone, Verona.

Già ad ottobre, una protesta di diversi giorni aveva bloccato il servizio di pasti all'interno delle carceri veneziane per quasi una settimana. A farne le spese, il personale amministrativo e gli operatori penitenziari spesso impiegati fino a tarda notte.

A difesa degli operatori penitenziari, a sua volta, interviene la Fp-Cgil. Il sindacato esprime preoccupazione per le condizioni di lavoro all'interno delle carceri in un ambiente di lavoro complesso e delicato, che fronteggia da anni in tutt'Italia i problemi cronici del sovraffollamento e della mancanza di personale.

Nonostante le rassicurazioni dell'amministrazione penitenziaria, che di recente ha detto di aver preso le contromisure per evitare disagi in seguito allo sciopero dei lavoratori della mensa, la Cgil si dice "sconcertata": "La cosa più grave e inaccettabile è il fatto che l'amministrazione, nonostante la protesta fosse nell'aria, non ha attuato alcunché per far sì che il personale possa consumere i pasti, lasciando così a digiuno i lavoratori". La normativa, ricorda ancora la Cgil, prevede che la mensa di servizio sia obbligatoria e che, in caso di situazioni d'emergenza, vada garantito il buono pasto.

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it