Venerdì 06 Dicembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

La Consulta: "Ecco perché il 4bis è contro la Costituzione" PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi

 

Il Dubbio, 5 dicembre 2019

 

Giusto premiare il detenuto che collabora, inammissibile punirlo ulteriormente per la mancata collaborazione. Permessi premio agli ergastolani e agli altri detenuti ostativi: le motivazioni della consulta sull'illegittimità costituzionale dell'art. 4bis, comma 1.

Giusto premiare il detenuto che collabora, inammissibile punirlo ulteriormente per la mancata collaborazione.

Leggi tutto...
 
Consulta. Nessuna preclusione per gli autori di sequestri di persona aggravati PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi

 

Il Dubbio, 5 dicembre 2019

 

 

Recentemente la Corte Costituzionale si è pronunciata anche sulla preclusione sui permessi premio anche per i condannati a pena temporanea per sequestro aggravato dalla morte della vittima. La Consulta è stata investita della questione di legittimità costituzionale, promossa dai Magistrati di sorveglianza di Padova e Milano, avente ad oggetto l'art. 58quater, comma 4, della legge 26 luglio 1975, n. 354, nella parte in cui prevede che i condannati a pena detentiva temporanea per il delitto di cui all'art. 630, secondo comma, del codice penale, che abbiano cagionato la morte del sequestrato, non sono ammessi ad alcuno dei benefici indicati dall'art. 4bis, comma 1 dell'ordinamento penitenziario se non abbiano effettivamente espiato almeno due terzi della pena irrogata. I giudici hanno rilevato l'incompatibilità della disposizione censurata con gli articoli 3 e 27 della Costituzione.

Leggi tutto...
 
"Negare i permessi premio è punizione ulteriore" PDF Stampa
Condividi

di Eleonora Martini

 

Il Manifesto, 5 dicembre 2019

 

Reati ostativi. La motivazione della Consulta per la sentenza di incostituzionalità dell'art. 4bis che nega automaticamente i benefici penitenziari agli ergastolani non collaboranti.

"Il detenuto per un reato di associazione mafiosa e/o di contesto mafioso può essere "premiato" se collabora con la giustizia ma non può essere "punito" ulteriormente - negandogli benefici riconosciuti a tutti - se non collabora".

Leggi tutto...
 
La Consulta: al mafioso che non parla non siano negati i benefici PDF Stampa
Condividi

di Giuseppe De Tomaso

 

Gazzetta del Mezzogiorno, 5 dicembre 2019

 

Il detenuto per un reato di mafia può essere "premiato" se collabora con la giustizia ma non può essere "punito" ulteriormente - negandogli benefici riconosciuti a tutti - se invece compie la scelta opposta.

Leggi tutto...
 
Bruti Liberati: "Atto di civiltà che indebolirà le mafie" PDF Stampa
Condividi

di Errico Novi

 

Il Dubbio, 5 dicembre 2019

 

Dalla sentenza della Consulta sui permessi ai reclusi in regime ostativo viene il segnale di civiltà che un ordinamento democratico lancia come sfida proprio alle mafie". A dirlo è Edmondo Bruti Liberati, ex procuratore di Milano.

Edmondo Bruti Liberati è stato un procuratore di Milano rigoroso, ed è tuttora considerato un punto di riferimento, in ambito associativo, da molti colleghi. "Tengo a ricordare di essere stato anche un magistrato di sorveglianza: in tale veste, nel 1975, ho avuto modo per la prima volta nella storia della Repubblica di applicare l'istituto del permesso: era stato introdotto con la riforma penitenziaria, si trattava del primo passo per la rottura della tradizionale immutabilità della pena inflitta. Ed è l'opposto della logica del "buttiamo la chiave della cella" e del "lasciamoli marcire in carcere".

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it