Giovedì 21 Marzo 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Sì alle Regioni parte civile nei delitti di mafia

PDF Stampa
Condividi

di Francesco Cerisano

 

Italia Oggi, 9 marzo 2019

 

Le regioni possono costituirsi parte civile nei processi penali riguardanti delitti di stampo mafioso commessi nel territorio. Le leggi regionali che prevedono questo obbligo non incidono sul potere del giudice di valutare la legittimazione dell'ente a costituirsi parte civile né tantomeno si sovrappongono alle norme dell'ordinamento che fondano l'azione risarcitoria e ne disciplinano l'esercizio nel processo penale.

Lo ha deciso la Corte costituzionale nella sentenza n. 41/2019 (redattore Giulio Prosperetti) depositata ieri in cancelleria. La Consulta ha respinto, dichiarandolo non fondato, il ricorso della presidenza del consiglio dei ministri contro l'art.2, comma 1 della legge del Veneto n. 1/2018.

Secondo palazzo Chigi la norma sarebbe stata incostituzionale, per violazione dell'art.117 Cost. in quanto avrebbe violato la competenza legislativa esclusiva dello Stato nella materia dell'ordinamento penale, contrastando con l'art. 74 del codice di procedura penale secondo cui il titolare dell'azione civile ha una mera facoltà e non un obbligo di costituirsi parte civile nel processo.

Secondo la Consulta, tuttavia, alla legge regionale veneta "non può attribuirsi alcun rilievo di carattere ordinamentale o processuale, non incidendo essa né sul potere del giudice di valutare la legittimazione della regione a costituirsi parte civile nel processo penale, né potendosi ritenere che essa si sovrapponga a quelle norme dell'ordinamento che fondano l'azione risarcitoria e che ne disciplinano l'esercizio nel processo penale".

Ad avviso dei giudici delle leggi, dunque, la norma impugnata "esaurisce la sua funzione all'interno della regione" e, in quanto tale, "appare espressione, del tutto legittima, del potere di indirizzo politico-amministrativo spettante al consiglio regionale nei confronti degli altri organi dell'ente".

Da ultimo la Consulta ha osservato che la legge regionale veneta impugnata replica il contenuto di identiche disposizioni di leggi di altre regioni (Piemonte, Puglia, Umbria, Liguria e Sicilia) che hanno stabilito l'obbligatorietà della costituzione di parte civile nei processi penali celebrati per delitti di criminalità organizzata di stampo mafioso commessi nel territorio regionale. Dichiarato infondato il ricorso contro la legge Veneta, anche le altre leggi regionali sulla materia possono dirsi al riparo da declaratoria di incostituzionalità ai sensi dell'art. 117 Cost.

 

 

 

06


06


06

 

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it