Mercoledì 20 Marzo 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Rovigo: "A scuola di libertà", il carcere entra a scuola

PDF Stampa
Condividi

rovigooggi.it, 10 gennaio 2019

 

Coinvolgente esperienza per gli studenti del Bernini di Rovigo che hanno ascoltato le esperienze di tre ex detenuti del carcere di Padova. Studenti ed ex detenuti a confronto. Due ore intense sono state quelle vissute dagli studenti di 4A/L il 20 dicembre nell'ambito del progetto "A scuola di libertà", dove si è tenuto un incontro con tre ex detenuti del carcere di Padova, accompagnati dalla dottoressa Ornella Favero, presidente della Conferenza nazionale volontariato e Giustizia.

Lo scopo è stato quello di rendere gli studenti consapevoli di quanto sia facile fare scelte sbagliate nella propria vita e di quanto sia doloroso vivere privi della libertà. La dottoressa Favero ha sottolineato che nessuno deve sottovalutare i rischi di comportamenti avventati e che ognuno deve assumersi la responsabilità dei propri errori.

Gli studenti hanno ascoltato con grande attenzione il racconto delle singole esperienze ed hanno percepito il dolore misto a vergogna di chi stava parlando, a dimostrazione di quanto il peso delle colpe non abbandoni mai chi le ha commesse. L'incontro è stato arricchito da un dibattito, senza dubbio costruttivo, durante il quale gli ex detenuti, rispondendo alle domande ed alle riflessioni degli studenti, hanno avuto il coraggio di "mettere in piazza" le loro vite disastrate senza cercare alibi. I ragazzi, dopo aver ascoltato chi ha vissuto l'esperienza del carcere, sono usciti sicuramente con la consapevolezza di cosa non fare per evitare di imboccare una strada devastante per se stessi e per le proprie famiglie.

 

A scuola di libertà con l'esperienza degli ex detenuti al carcere di Padova (Il Gazzettino)

 

Anche l'attività didattica può dare strumenti non solo per imparare i concetti di giustizia, pena e riabilitazione, ma anche per conoscere cosa significhi il carcere, e riflettere sull'educazione alla legalità, alla responsabilità e al dialogo contro i pregiudizi. È questa l'esperienza che lo scorso 20 dicembre hanno vissuto gli studenti di 4a A/L dell'istituto tecnico per geometri Bernini di Rovigo nell'incontro con tre ex detenuti nel carcere Due Palazzi di Padova, accompagnati per l'occasione dalla presidente della Conferenza nazionale Volontariato e Giustizia Ornella Favero. L'incontro è stato organizzato nell'ambito del progetto A scuola di libertà e ha avuto lo scopo di rendere gli studenti consapevoli di quanto sia facile fare scelte sbagliate nella vita, e di quanto sia doloroso, poi, vivere senza libertà.

"A scuola di libertà" insegna, a scuola, a imparare a conoscere il carcere, per promuovere la sicurezza sociale fondata sulla prevenzione, la responsabilizzazione, la solidarietà e lo scambio di esperienze. La presidente Favero, così, ha ribadito che nessuno può sottovalutare i rischi di comportamenti avventati e che è dovere di ognuno assumersi la responsabilità dei propri errori.

Gli studenti hanno ascoltato con grande attenzione le esperienze presentate, contrassegnate da dolore e vergogna perché il peso delle colpe non abbandona mai chi le ha commesse. L'incontro è diventato un dibattito durante il quale gli ex detenuti hanno risposto alle domande e alle riflessioni degli studenti, e hanno contribuito a costruire una coscienza critica, senza alibi, come valore necessario alla prevenzione della devianza tra gli adolescenti. L'iniziativa A scuola di libertà - La scuola impara a conoscere il carcere ha il patrocinio della Fondazione Cariparo.

 

 

 

06


06


06

 

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it