Giovedì 27 Luglio 2017
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Roma: con l'Ordine degli Architetti un convegno su architettura e carcere

PDF Stampa
Condividi

Agenparl, 6 novembre 2016

 

Mercoledì 7 dicembre dalle 9.00 alla Casa dell'Architettura (Piazza Manfredo Fanti 47, Roma) si terrà il convegno "Architettura e carcere", un incontro organizzato dall'Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia. Aprirà i lavori portando i saluti il presidente dell'Ordine degli Architetti di Roma e provincia Alessandro Ridolfi, presenterà il convegno l' architetto Daniela Proietti, Responsabile Dipartimento della Professione dell'OAR.
Interverranno Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla Giustizia, l'architetto arch. Corrado Marcetti, Direttore Fondazione Michelucci, "Carceri e Città: disamina di quanto espresso nell'ambito dei lavori del Tavolo1 degli Stati Generali; localizzazione e caratteri socio-spaziali della detenzione in rapporto alle finalità indicate dai contenuti della Riforma e del Regolamento Penitenziario; interazione col territorio di riferimento, con le opportunità e le esigenze presenti in una determinata città, in una determinata regione. Carceri e Città: disamina di quanto espresso nell'ambito dei lavori del Tavolo1 degli Stati Generali; localizzazione e caratteri socio-spaziali della detenzione in rapporto alle finalità indicate dai contenuti della Riforma e del Regolamento Penitenziario; interazione col territorio di riferimento, con le opportunità e le esigenze presenti in una determinata città, in una determinata regione", l'architetto Leonardo Scarcella, Ministero della Giustizia, "Patrimonio edilizio penitenziario in Italia: ripartizione tipologica, modalità e criteri funzionali e tecnici di ristrutturazione e ampliamento degli istituti territoriali", l'architetto Cesare Burdese, esperto di edilizia carceraria, "Mutamenti architettonici dopo l'adozione delle recenti modalità di esecuzione della pena e della custodia cautelare in carcere".
"Il seminario vuole fornire una formazione specifica nella progettazione delle strutture destinate all'esecuzione della pena - spiega l'architetto Daniela Proietti, Responsabile Dipartimento della Professione dell'OAR - al fine di coinvolgere il ruolo dell'architetto e del progetto architettonico in questi ambiti particolari, in cui sono maggiormente a rischio i diritti e la dignità dell'uomo.
Un tema quello del carcere di grande rilevanza sociale, per molto tempo dimenticato come qualcosa di lontano, di estraneo, di scomodo, ma che ha inevitabilmente delle ricadute sulla collettività che non possono essere più ignorate. La condizione delle carceri in Italia ha comportato la condanna del nostro Paese da parte della Corte Europea dei diritti dell'uomo per il trattamento inumano e degradante delle persone detenute. Questa situazione di emergenza - sottolinea Proietti - rende necessaria una profonda riflessione, oltre che su possibili misure alterative alla detenzione ordinaria, soprattutto su una ridefinizione delle linee guida per progetti innovativi di edifici carcerari che garantiscano i diritti di affettività, socialità, formazione e reinserimento dei detenuti che li abitano".
"Gli architetti - dichiara il presidente dell'Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia Alessandro Ridolfi - possono essere dei preziosi alleati delle Istituzioni, sia nel caso di ristrutturazione di vecchi edifici che nella realizzazione di nuovi istituti, per promuovere e sostenere progetti di architettura carceraria che assicurino una qualità degli spazi finalizzati al recupero e al reinserimento sociale e garantiscano al tempo stesso la sicurezza e il controllo per relazionarsi con la città e il contesto circostante". La partecipazione all'evento riconosce 6 crediti formativi agli iscritti.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it