Domenica 27 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

In Europa calano i reati e i detenuti. In Italia sempre meno delitti, ma le carceri esplodono PDF Stampa
Condividi

di Nicola Galati


extremaratioassociazione.it, 27 settembre 2020

 

Qualcosa non torna. L'Eurostat ha recentemente pubblicato i dati, aggiornati al 2018, sulla capienza delle carceri e sulle persone detenute in Europa. La notizia non ha avuto una vasta eco, come spesso accade alle informazioni riguardanti il pianeta carcere. Il dato principale riguarda il numero di detenuti in Europa nel 2018 per 100.000 abitanti: 111, la cifra più bassa degli ultimi anni. Numeri che dimostrano un generalizzato e diffuso calo delle persone detenute e confermano anche la diminuzione dei reati commessi.

Leggi tutto...
 
Giustizia, la riforma che chiede l'Europa per il Recovery Fund PDF Stampa
Condividi

di Giorgio Oldoini


blitzquotidiano.it, 27 settembre 2020

 

L'Unione Europea ha posto all'Italia condizioni molto strette per procedere all'erogazione del Recovery Fund. Tra queste spicca la Riforma della Giustizia. Si chiede, in vista del Recovery fund, di riformare le istituzioni e le burocrazie pubbliche, che devono garantire la certezza del diritto. Senza la certezza del diritto, queste istituzioni sono inutili, dannose e finiscono col trasformarsi in parassitarie. L'Italia è il paese occidentale con la più alta incidenza di sentenze creative che minano in radice la certezza del diritto, il bene supremo delle nazioni più avanzate. L'incertezza delle leggi genera subalternità, legittima la prevaricazione e incentiva il servilismo e l'inefficienza.

Leggi tutto...
 
Col decreto intercettazioni trionfa il populismo giudiziario PDF Stampa
Condividi

di Fabio Anselmo*


Il Domani, 27 settembre 2020

 

Nuovi limiti. In nome della privacy si impedisce alla difesa l'accesso a prove decisive. Cacciamo gli stranieri extra-comunitari che minacciano la nostra sicurezza, rimandiamoli a casa loro". Poco importa se vengono calpestati i più elementari diritti umani, se sono stati torturati nei campi libici o annegano in mare.

Leggi tutto...
 
Il processo a Palamara può diventare una guerra per bande PDF Stampa
Condividi

di Iuri Maria Prado


Libero, 27 settembre 2020

 

È vero: il processo a Palamara non è, e non deve essere, il processo alla magistratura. Ma nemmeno dovrebbe essere il modo con cui la magistratura assolve sé stessa dalle responsabilità gravi che l'esplodere di quel caso ha reso tanto evidenti.

Leggi tutto...
 
Flick: Davigo non può restare al Csm anche dopo il congedo PDF Stampa
Condividi

di Errico Novi


Il Dubbio, 27 settembre 2020

 

Il caso dell'ex pm che "deve" giudicare Palamara: intervista al presidente emerito della Consulta. "Intanto il Consiglio superiore della magistratura mi pare già sovraccarico di nodi irrisolti, per pensare di complicarne l'esistenza anche con l'equivoco fra durata soggettiva del mandato e durata del mandato collegiale". Giovanni Maria Flick parla del caso del togato Csm prossimo al congedo e aggrotta la fronte. Non è colpito tanto dalle polemiche e dai retroscena, quanto dai controsensi connessi alla permanenza in carica dell'ex pm di Mani pulite.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it