Giovedì 14 Dicembre 2017
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Migranti. L'Ungheria pensa al carcere per i richiedenti asilo

PDF Stampa
Condividi

lettera43.it, 14 gennaio 2017


I migranti che presenteranno richiesta di asilo andranno incontro a una limitazione della libertà durante la procedura. Orban: i migranti sono una minaccia per la nostra cultura. I richiedenti asilo che sceglieranno di presentare la loro domanda in Ungheria potranno perdere la loro libertà. Il premier Viktor Orban ha annunciato alla radio pubblica MR che chi richiederà asilo non potrà muoversi liberamente durante la procedura.
Misura sospesa nel 2013. La pratica era stata sospesa dall'Ungheria nel 2013 in seguito alle enormi pressioni dell'Ue e dell'Onu. "La misura va contro le norme internazionali, precedentemente accettate anche dall'Ungheria. Lo sappiamo ma lo faremo lo stesso" ha detto non curante il capo del governo.
All'Ungheria non piacciono le soluzioni Ue. Il 12 gennaio, in occasione del giuramento dei nuovi cadetti della guardia di frontiera, lo stesso Orban aveva affermato che l'emergenza immigrazione non sarebbe diminuita nel breve periodo e che l'Ungheria non può affidarsi a una soluzione qualunque da parte dell'Ue.
Orban: "migranti minaccia per la nostra cultura". Secondo il premier i migranti sono una minaccia per la cultura e la sicurezza degli ungheresi e fanno aumentate il rischio di terrorismo e per questo motivo l'Ungheria deve sorvegliare anche più di prima i suoi confini. "In Europa, viviamo un tempo dell'ingenuità e dell'incapacità: gli immigrati sono vittime dei trafficanti, ma anche dei politici europei, che incoraggiano la migrazione con la politica di accoglienza" ha spiegato nel suo discorso, "Da noi, non ci saranno camion che investono chi festeggia" ha detto riferendosi alle stragi di Nizza e Berlino.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it