Venerdì 04 Dicembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

L'allarmante criminalità non giustifica l'inciviltà delle carceri PDF Stampa
Condividi

di Sergio Moccia


Il Manifesto, 4 dicembre 2020

 

Uno Stato civile deve favorire l'idea del minor numero possibile di persone penalmente perseguite che debba essere carcerizzato. Al contrario assistiamo a un'esaltazione repressiva, tanto irrazionale sul piano degli effetti, quanto deleteria sul piano dei diritti.

Leggi tutto...
 
Covid in carcere, Bonafede: "Adottate tutte le misure per la salute dei detenuti" PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi


Il Dubbio, 4 dicembre 2020

 

In carcere si continua a morire di Covid. Mercoledì è stata la volta il 78enne Salvatore Genovese, detenuto al 41bis a Opera e ricoverato in ospedale. Ieri all'ospedale Cardarelli di Napoli è morto un detenuto di Poggioreale, anche lui malato di Covid.

Leggi tutto...
 
Braccialetti elettronici, dubbi sul giallo della fornitura PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi


Il Dubbio, 4 dicembre 2020

 

Venerdì 11 dicembre il governo dovrà chiarire dopo l'interpellanza urgente presentata da Roberto Giachetti sulla fornitura di braccialetti elettronici. Ma che fine hanno fatto le migliaia di braccialetti elettronici che dovevano essere stati già in circolazione? Questo è il giallo tuttora irrisolto e che venerdì prossimo 11 dicembre, il governo dovrà finalmente chiarire grazie a una interpellanza urgente presentata dal deputato di Italia Viva Roberto Giachetti e sottoscritta dalle parlamentari Lucia Annibale, Maria Elena Boschi e l'ex M5s Catello Vitiello.

Leggi tutto...
 
Ditemi qual è il carcere giusto per questo invalido al 100 per 100 PDF Stampa
Condividi

di Rita Bernardini


Il Riformista, 4 dicembre 2020

 

C'è un detenuto nel carcere di Busto Arsizio che staziona in una cella dell'infermeria perché gravemente malato, invalido al cento per cento e non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita. Ha 42 anni ed è affetto dall'infanzia da una patologia degenerativa in forma grave, nota come sindrome di Charcot-Marie-Tooth.

È in carrozzina con gli arti inferiori e superiori gravemente compromessi, sa che non potrà mai guarire ma sa (e lo sanno anche giudici e pm) che ha bisogno di riabilitazione continua per non peggiorare la sua condizione. Gli hanno messo un piantone, cioè un altro detenuto che lo aiuta (non un infermiere); da settembre non è in grado di farsi una doccia completa e si lava come può con la doccetta vicina al wc; in tutta la sua detenzione, che è iniziata il 4 luglio 2019, cioè 16 mesi fa, non ha mai potuto fare la fisioterapia che gli è indispensabile.

La presa delle mani, già debolissima, si è ulteriormente deteriorata e le gambe, più piccole del normale, sono gelide. A Busto Arsizio, ove è allocato dal 25 settembre, i medici fanno il possibile per aiutarlo - afferma sua sorella - ma non hanno personale e strutture sanitarie adeguati per alleviare le sue sofferenze. Fatto sta che ho in mano la relazione della ASL regionale dell'Emilia Romagna, redatta quando il detenuto si trovava nel centro clinico del carcere di Parma quindi, non come accade oggi, nella cella dell'infermeria dell'istituto penitenziario di Busto Arsizio. Ebbene, in quella relazione medico legale, datata 4 aprile 2020, si certificava l'importanza per il paziente di una terapia che sia intensa e soprattutto continuativa, "condizione non applicabile nel carcere di Parma", così come "non è eseguibile l'idro-chinesiterapia di grande utilità nella malattia da cui è affetto il paziente-detenuto".

Il detenuto in questione si chiama Enzo Misiano, un nome che brucia perché è stato consigliere comunale per Fratelli d'Italia a Ferno in provincia di Varese ed è coinvolto, assieme ad altri 33, nell'indagine della DDA di Milano "Krimisa", accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Misiano ha ricevuto una condanna a 8 anni in primo grado ed è in attesa dell'appello, quindi è un detenuto in attesa della sentenza definitiva, quindi ancora "non colpevole" secondo l'art. 27 della Costituzione.

Prima di quel 4 luglio 2019 Enzo Misiano era un cittadino incensurato. Da quel 4 luglio se lo sono rimpallato carcere dopo carcere perché nessun istituto era in grado di affrontare la sua patologia: prima Asti, poi Voghera e poi Parma. A Parma - a seguito della relazione medico legale di cui abbiamo sopra riferito succede il miracolo, il 28 aprile 2020 il Gip con il parere contrario del Pm gli concede la detenzione domiciliare, ma il tutto finisce il 25 settembre quando il Pm ottiene ragione in Cassazione e Misiano ritorna in galera a... Busto Arsizio.

Ma non finisce qui. Lo stesso Gip il 27 novembre scorso respinge la richiesta di detenzione domiciliare con motivazioni che lasciano a dir poco perplessi. "Vero è - si legge - che all'interno della casa circondariale di Busto Arsizio non sono disponibili né le attrezzature né il personale specializzato per far fronte alle necessità di cura dettate dalle condizioni di Misiano Enzo, la cui patologia, stante la complessità del caso, non risulterebbe adeguatamente gestita all'interno della predetta struttura detentiva".

Le condizioni di salute del paziente-detenuto sono però incompatibili con la casa circondariale di Busto "non già con il regime detentivo in sé"; "È pertanto indicato il trasferimento dello stesso presso una struttura dell'amministrazione penitenziaria che preveda un centro clinico provvisto di palestra e soprattutto di personale dedicato o di strutture convenzionate specializzate". Successivamente, nell'ordinanza che respinge l'istanza, si individua la Casa di Reclusione di Opera, "dotata di centro clinico e legata da apposita convenzione alla struttura esterna di cura Centro Don Gnocchi".

Non sono in grado di dirvi ora cosa risponderà - o abbia già risposto - il carcere di Opera in piena pandemia da coronavirus, quel che mi chiedo è: se esiste questa struttura così adeguata (lo vedremo), perché hanno fatto tribolare Enzo Misiano per più di un anno?

Per lui - come purtroppo per migliaia di detenuti - sono sospesi gli articoli 27 e 32 della Costituzione? La giornata mondiale della disabilità (ricorreva ieri, con tanto di messaggio solenne del Presidente della Repubblica) vale anche per coloro che sono detenuti?

Infine, una provocazione. Mi immedesimo, oggi mi viene più facile forse perché sono al 24° giorno di sciopero della fame. Mi immedesimo in un atto quotidiano della vita al quale sicuramente non pensano (pur compiendolo come tutti) i magistrati che hanno sballottato Enzo Misiano da un carcere all'altro. Come si pulisce il culo questo detenuto dopo aver defecato visto che è privo della funzionalità delle mani? Chiama il piantone-detenuto che è un estraneo e non è certo un operatore sanitario?

 
"Alla funzione riabilitativa serve anche una comunità" PDF Stampa
Condividi

di Irene Famà

 

La Stampa, 4 dicembre 2020

 

Intervista a Davide Mosso, avvocato penalista.

 

Come si può conciliare la funzione riabilitativa con il controllo dei detenuti?

"Meglio ragionare non in termini di "detenuti" bensì di persone che hanno subito una condanna, alle quali si applica quella che fortunatamente è ormai l'extrema ratio e dunque il carcere, ognuna delle quali ha una sua storia di vita. E che se la funzione riabilitativa si è realizzata non occorrerà naturalmente più il controllo. Per raggiungere questo obbiettivo è necessario un percorso, può accadere vi siano incidenti lungo il cammino. Anche gravi. Un controllo totale certamente non è possibile e sovente fa molto più rumore l'albero che cade piuttosto che quello che cresce".

 

Quanti detenuti, dopo il carcere, riescono a rimettere in carreggiata la loro vita?

"L'ultimo studio che è stato compiuto al proposito dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria dava una media statistica di tre persone ogni dieci. Significa dunque che sette dopo un tempo più o meno breve, fanno ritorno in carcere. Prova evidente, mi pare, che il sistema ha fallito ed è fallito".

 

Cosa manca al sistema carcerario per migliorarsi?

"D'istinto la risposta che mi viene è tutto. Ragionandoci credo che il vero miglioramento passi per una società civile che si fa comunità, che prediliga la giustizia che ripara a quella che punisce quando non addirittura si vendica. Se esco di strada perché i freni dell'auto si sono rotti è ben difficile che l'incidente non si ripeta se anziché portarla dall'elettrauto la chiuderò in garage per un certo tempo perché così impari. O che guarisca la pianta che ha perso le foglie se la metto nello sgabuzzino o in cantina. Una cosa ancora. Ritengo che l'informazione possa svolgere un ruolo assai importante nella sensibilizzazione delle coscienze".

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it