Martedì 29 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Il carcere rimosso PDF Stampa
Condividi

di Alessandro Barbano


huffingtonpost.it, 28 settembre 2020

 

Siamo il Paese dell'ergastolo ostativo o dove la direttrice del penitenziario di Reggio Calabria è tenuta per oltre un mese agli arresti per aver riconosciuto ai detenuti trattamenti umanitari. Nel carcere confiniamo il male del mondo. E buttiamo la chiave, ma davvero.

Leggi tutto...
 
Ricordando Massimo Pavarini PDF Stampa
Condividi

di Desi Bruno*


Ristretti Orizzonti, 28 settembre 2020

 

Era il 2013 quando la Regione Emilia-Romagna, l'ufficio del Garante delle persone private della libertà personale e l'Università stipularono un accordo per favorire una diversa cultura della pena che aveva come presupposto l'utilizzo del carcere solo quando assolutamente necessario. Tra i progetti, poi realizzati, ci fu una importante ricognizione regionale delle risorse del volontariato al fine di favorire in concreto una mappa delle possibili alternative alla detenzione.

Leggi tutto...
 
La magistratura processa Palamara e assolve se stessa PDF Stampa
Condividi

di Giulia Merlo


Il Domani, 28 settembre 2020

 

Al Csm 11 udienze in 20 giorni per arrivare a sentenza sul pm accusato di gestire le nomine. L'obiettivo è chiudere prima del pensionamento di Davigo. E chi lo cercava non corre rischi. La giustizia disciplinare dei magistrati corre come il vento, quando vuole. Nel caso di Luca Palamara, il pubblico ministero accusato di corruzione e ritenuto il regista occulto delle nomine nelle procure, la volontà c'è tutta: il procedimento davanti alla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, l'organo di autogoverno delle toghe, è cominciato il 21 luglio e la sentenza è già stata fissata per il 16 ottobre.

Leggi tutto...
 
Gratteri: vi spiego io perché la 'ndrangheta sfonda al Nord PDF Stampa
Condividi

di Pietro Senaldi


Libero, 28 settembre 2020

 

Nicola Gratteri: "La forza dei clan è il basso profilo. Imprenditori e politici usano i boss calabresi come un'agenzia di servizi". C'è un magistrato che è riuscito a diventare famoso pur non cavalcando le correnti, anzi denigrandole pubblicamente. Naturalmente anche lui è un pm, ma atipico; al punto che viene accusato di essere un giustizialista non dai politici ma dai propri colleghi. Nicola Gratteri sta provando a fare con la 'ndrangheta in Calabria quello che Borsellino e Falcone tentarono con la mafia a Palermo. Ha la fortuna, a differenza dei due procuratori siciliani, che il governo e l'opinione pubblica si limitano a ignorarlo, anziché mettergli i bastoni tra le ruote.

Leggi tutto...
 
Criteri di computo dello "spazio minimo disponibile" per ciascun detenuto PDF Stampa
Condividi

giurisprudenzapenale.com, 28 settembre 2020


Cassazione Penale, Sezioni Unite, informazione provvisoria n. 17 del 2020. Presidente Cassano, Relatore Rocchi. Come avevamo anticipato, era stata rimessa alle Sezioni Unite le seguenti questioni di diritto:

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it