Sabato 20 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Ermini (Csm): "i giudici applicano le leggi e non cercano il consenso"

PDF Stampa
Condividi

Il Dubbio, 17 aprile 2019

 

Il vicepresidente del Csm difende i magistrati dalle "contestazioni" popolari: "sbagliato delegittimare le sentenze dei tribunali". "Il giudice non viene eletto perché non deve seguire il consenso, ma deve applicare la legge". Lo ha detto ieri mattina a Ravenna David Ermini, vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura durante l'evento a ricordo del magistrato Pier Paolo Casadei Monti.

"Se il giudice sbaglia ci sono dei sistemi costituzionali a cui ci si può rivolgere. Se invece ha commesso un reato c'è il codice penale e ci sono gli altri colleghi. È però necessario che alla sentenza del magistrato venga riconosciuta legittimazione. Il giudice ha proseguito durante il dibattito - emette una sentenza in nome del popolo italiano ma non secondo la volontà del popolo italiano. Il processo non è un referendum. Tante volte il giudice soffre nell'emettere una sentenza, siamo in un mondo in cui si guardano i titoli e non si approfondisce niente, figuriamoci se si legge una sentenza". A margine dell'iniziativa, Ermini ha poi ricordato Pier Paolo Casadei parlando con i giornalisti: "Ci sono tanti magistrati come lui ma serve un sempre maggiore impegno da parte del giudice come buon senso, equilibrio, competenza e spirito di servizio. Delegittimare la magistratura porta dei guai molto forti".

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it