Lunedì 22 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Cucchi, "esami sbagliati" e "telefonate sparite"

PDF Stampa
Condividi

di Eleonora Martini

 

Il Manifesto, 9 febbraio 2019

 

Processo bis. Masciocchi: "Dal corpo sezionata e analizzata parte di colonna sana, senza lesioni". Un "unico evento" traumatico recente - "verificatosi entro 7-15 giorni dalla morte" - e molto importante, "non riconducibile cioè ad una semplice caduta", sarebbe la causa delle due fratture vertebrali riscontrate sul corpo di Stefano Cucchi. Fratture - della vertebra sacrale S4 e della parte superiore della vertebra lombare L3 (soma, quest'ultimo, che, nella parte opposta, presentava gli "esiti cicatriziali" di una vecchia frattura ormai rinsaldata) - riscontrate perfino dalle lastre effettuate all'ospedale Fatebenefratelli dove venne visitato il geometra romano arrestato il 15 ottobre 2009 e morto al Pertini una settimana dopo, ma non dai consulenti e dai periti medico legali durante il primo processo. A confermarlo ieri in udienza davanti alla I Corte d'Assise di Roma è stato Carlo Masciocchi, tra le altre cose professore ordinario di radiologia dell'Università dell'Aquila ed ex presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, che ha spiegato a fondo su quali evidenze scientifiche si basa il suo giudizio.

Nel giugno 2015, su richiesta dell'avvocato Fabio Anselmo, legale dei Cucchi, Masciocchi studiò l'Rx del Fatebenefratelli fornito in formato jpeg e le immagini Tac total body eseguita sul cadavere il 23 novembre 2009, arrivando a concludere ciò che poi, nel corso del processo bis, è stato confermato dagli stessi carabinieri "pentiti": ossia che Stefano aveva subito un forte trauma che gli aveva spezzato la schiena.

Ma c'è soprattutto un particolare davvero inquietante che è stato confermato dal luminare di radiologia durante l'interrogatorio del pm Giovanni Musarò: nel corso del primo processo Cucchi (non ancora conclusosi) che vede alla sbarra cinque medici del Pertini, i consulenti medico legali del pm Vincenzo Barba (i professori Tancredi, Arbarello, Carella e Cipolloni), che hanno sostenuto la presenza una sola frattura vertebrale e di vecchia data, lo hanno fatto sulla base di una Risonanza magnetica effettuata sul cadavere riesumato circa 40 giorni dopo la morte (esame che, secondo Masciocchi, non può rivelare nulla su un corpo senza vita e per di più eviscerato, perché si basa sulla rilevazione dell'attività vitale dei tessuti molli).

Mentre il collegio peritale nominato allora dalla III Corte d'Assise di Roma (Cristina Cattaneo, Mario Grandi, Gaetano Iapichino, Giancarlo Marenzi, Erik Sganzerla e Luigi Barana: tra loro nessun radiologo) arrivarono alla stessa conclusione dopo aver effettuato una Cone Beam (sorta di panoramica sofisticata usata dai dentisti) "su un tratto di colonna vertebrale sezionato e prelevato dal cadavere che comprendeva le vertebre L5, L4 e la parte inferiore della L3, ossia quella dove non c'era la frattura". Nessuno dei consulente risulta indagato, ma la scoperta ha lasciato di stucco anche il pm Musarò che ha aperto un fascicolo integrativo al processo bis riguardante il depistaggio.

Ed è proprio in questo ambito che si può inscrivere la deposizione del maresciallo Davide Antonio Speranza, all'epoca dei fatti in servizio presso la stazione Quadraro. Dopo la morte del giovane, gli venne chiesto di redigere un'annotazione che poi gli venne corretta. "Scrissi la seconda sotto dettatura diretta del maresciallo Mandolini (tra gli imputati, ndr)", ha raccontato ieri riferendo di essere stato poi ascoltato nei giorni successivi anche dal comandante della compagnia Casilina, il maggiore Paolo Unali. Ultimo particolare, riferito in aula dal capo della Squadra mobile, Luigi Silipo: i Cd con le registrazioni e i tabulati delle conversazioni non trascritte del 2009, le prime dopo la morte di Cucchi, non si trovano più. "Che fine abbiano fatto - ha detto Silipo - non lo so".

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it