Martedì 23 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Csm, boom di affluenza: circa il 90%: tre napoletani in corsa per il plenum

PDF Stampa
Condividi

di Gigi Di Fiore

 

Il Mattino, 10 luglio 2018

 

C'è stato un record di affluenza. I magistrati italiani sono corsi in massa a votare i propri rappresentanti al Csm che dovrà restare in carica fino al 2022. Erano 9500 gli aventi diritto al voto, in quasi tutti i distretti di corte d'appello sono andati alle urne il 90 per cento. A Napoli, ad esempio, hanno votato 520 su 579 magistrati, a Roma 837 su 936, a Milano 433 su 505, a Firenze 159 su 177. Quattro anni fa, andò alle urne l'85 per cento. Terminate le votazioni, che si sono tenute tra domenica e ieri, in settimana si conosceranno i 16 eletti tra i 21 candidati.

Nel riassestamento tra le correnti, da Napoli i candidati sono stati tre. Per Unicost, la corrente di centro, il candidato è Michele Ciambellini, giudice al tribunale di Napoli. Vomerese, componente del comitato direttivo dell'Anm, faceva parte della squadra di pallavolo Fides allenata da Giancarlo Siani. E nei suoi interventi ha più volte ricordato il giornalista del Mattino ucciso dalla camorra, suo allenatore fino al 1984. Altro giudice in servizio al tribunale di Napoli è Mario Suriano, candidato di Area, la corrente unita di sinistra, già nel comitato direttivo nazionale dell'Anm e proveniente dal Movimento per la giustizia. Chiude la terna Ilaria Pepe, consigliere alla corte d'appello di Napoli, candidata di Autonomia e indipendenza, corrente nata da una scissione a destra di Magistratura indipendente. Anche Ilaria Pepe ha fatto parte del direttivo dell'Anm ed è confluita nella corrente fondata da Piercamillo Davigo, che a sua volta si candida al Csm per un posto riservato ai giudici di Cassazione.

Con Ilaria Pepe, sono in tutto sei le donne candidate. Tra i nomi di spicco in queste elezioni, oltre a Davigo che è stato componente del pool Mani pulite oltre che presidente dell'Anm ed ha fatto l'en plein nelle primarie, c'è anche Giuseppe Cascini, procuratore aggiunto a Roma e già segretario dell'Anni, candidato di Area. Cascini è stato uno dei titolari dell'inchiesta Mafia capitale. Altro procuratore aggiunto, ma a Catania, a candidarsi è Sebastiano Ardita ritenuto il numero due di Autonomia e indipendenza.

Queste elezioni si sono tenute con il sistema elettorale di quattro anni fa. La riforma proposta dall'ex ministro della Giustizia, Andrea Orlando, non è mai arrivata all'approvazione. E, a urne chiuse, quasi cento magistrati hanno firmato un appello "per la liberazione del Csm dalle correnti", chiedendo il sorteggio per selezionare i candidati alle elezioni dei 16 togati e l'abolizione dell'immunità per i consiglieri. L'iniziativa è partita dal giudice Andrea Mirenda, che aveva parlato, in un libro-intervista, di "metodi mafiosi" seguiti dal Csm. A firmare l'appello anche Carla Raineri, giudice alla corte d'appello di Milano e per un mese capo di gabinetto a Roma del sindaco Virginia Raggi.

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it