Lunedì 22 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Caso Diciotti. Chi andrà in soccorso di Salvini

PDF Stampa
Condividi

di Mario Rusciano

 

Corriere della Sera, 10 febbraio 2019

 

Sul processo a Matteo Salvini per la vicenda della "Diciotti" la blanda opposizione di destra ha già deciso. Con tempestività e senza sorprendere: salverà Salvini, costola della destra. La minoranza di sinistra farebbe bene a riflettere su che fare, visto che Salvini comunque si salverà.

È vero che il suo destino dipende dal M5S, ma è pur vero che le tante tensioni nella maggioranza e i sondaggi sfavorevoli lo indurranno ad andare in soccorso del partner di governo. Dimenticando l'odio per i privilegi e le immunità e l'amore per l'uguaglianza dei cittadini. L'idea del processo preoccupa il leader della Lega: altrimenti non l'avrebbe prima accarezzata e poi rifiutata.

Il "sequestro di persona" è reato punito col carcere da sei mesi a otto anni; con pena aggravata per il pubblico ufficiale che abusa della sua funzione; e ancor più se a danno di minori (art. 605 codice penale). Molti pensano che Salvini non abbia voluto "sequestrare" i naufraghi della Diciotti, ma solo impedirne lo sbarco per dare un segnale forte ai sordi paesi europei. Sta di fatto che per questo si è servito di quasi duecento poveri disgraziati (molti minori), privandoli della libertà e tenendoli in mezzo al mare. Questa la sua difesa: "Ho agito da Ministro; nell'interesse della nazione; a nome del Governo".

Tre argomenti fragili. Primo: l'approdo in un porto italiano di un'imbarcazione italiana (già suolo italiano), per giunta della Guardia costiera, non è di sua competenza; e, se insiste a sostenere il contrario, rischia l'aggravante dell'abuso. Secondo: è dubbio che il divieto di Salvini corrisponda all'interesse nazionale, mentre è palese il suo interesse (non per la patria, ma per la Lega) a compiere un gesto clamoroso per acquisire consenso popolare: confermato dai sondaggi. Terzo: Salvini ha deciso tutto da solo, all'insaputa del Governo che ne ha condiviso la responsabilità solo "dopo" l'accusa del Tribunale. Manca l'unica vera prova della responsabilità collegiale: il verbale del Consiglio dei Ministri (convocato d'urgenza e ad hoc). In questi casi, è ovvio, non bastano telefonate, messaggini o letterine del Presidente del Consiglio e dell'altro vice premier.

Eppure Salvini dalla vicenda uscirà vincente. O perché si rifiuterà il processo - ipotesi probabile, benché al Senato la maggioranza sia risicata - o perché, in caso di processo, egli aumenterà i consensi recitando la parte del "martire della giustizia". La quale è di sinistra e fa politica: al punto da processare il Ministro dell'interno per la difesa degl'italiani dagli immigrati.

Argomenti deboli e non convincenti, ma la sinistra deve stare attenta a non offrirgli un'altra occasione di propaganda. Forse, se la maggioranza blinda il ministro, è più utile distanziarsi dal campo giudiziario e contrastarne gli atteggiamenti autoritari sul terreno politico.

È questo il terreno sul quale vanno unite le forze per un autentico interesse nazionale: contro l'autonomia differenziata delle regioni del Nord, che rompe unità e coesione del paese. Problema da straordinaria mobilitazione civile, che invece sfugge alla grande opinione pubblica. Esso poi è una prova non facile per i parlamentari del Sud: di tutti gli schieramenti.

Specie del M5S, che rischia un calo vertiginoso di consensi nel suo più ampio bacino. Se nella propaganda di Salvini il cavallo di battaglia è l'immigrazione, il processo della Diciotti gli serve a distrarre l'attenzione dalla separazione del ricco Nord dal misero Sud. Cioè dal tradizionale progetto della Lega Nord, il quale marcia veloce e, chissà perché, in gran segreto. Dov'è finita l'onestà e la trasparenza del governo del cambiamento?

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it