Lunedì 22 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Bologna: alla Dozza il caldo è infernale, neanche un ventilatore per i detenuti

PDF Stampa
Condividi

di Noemi di Leonardo

 

bolognatoday.it, 10 luglio 2018

 

Usano secchi pieni di acqua per immergere i piedi o si bagnano con pezze umide, gli agenti hanno solo un ventilatore. Anche una bimba di 3 anni reclusa con la madre. Il Sinappe: "situazione inumana". "Nulla è cambiato rispetto all'anno scorso" né per i detenuti né per gli agenti del carcere della Dozza. A denunciarlo Nicola D'Amore del sindacato dei penitenziari Sinappe che si associa a quanto segnalato dal Garante dei detenuti del Comune di Bologna, Antonio Ianniello.

"La struttura carceraria è in cemento e la sera nelle celle chiuse si vede la sofferenza - continua il delegato Sinappe, interpellato da Bologna Today - i detenuti utilizzano recipienti pieni di acqua per immergere i piedi o si bagnano la fronte con pezze umide. Era stata fatta richiesta di ventilatori a batteria, ma senza esito. Per gli agenti non va meglio, almeno noi un ventilatore l'abbiamo, anche se era stato chiesto un condizionatore per l'ufficio, l'amministrazione carceraria ci ha risposto che tutto è allo studio, uno studio mai terminato a quanto pare".

"Diverse modulazioni degli orari di permanenza all'aria aperta per le persone detenute, evitando le ore più calde; previsione di menù giornalieri che contemplino alimenti consigliati durante la stagione estiva; agevolazione dell'utilizzo di frigoriferi nei reparti detentivi; apertura della porta blindata delle celle durante l'orario notturno per far circolare l'aria; previsione dell'acquisto di ventilatori a pile che, pare possano offrire refrigerio durante il caldo più feroce", questi gli interventi suggeriti dal Garante che spera nell'amministrazione penitenziaria perché "possa riuscire a organizzare per tempo interventi al fine di mitigare le condizioni di disagio dovute alle ondate di calore", si legge in una nota.?

In carcere anche una bimba di tre anni - È reclusa con la madre all'interno di una sezione detentiva: "Speriamo che il direttore preveda un'apertura, più ore d'aria con la madre e uno spazio differente, perché così la situazione è inumana" conclude D'Amore.

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it