Domenica 21 Aprile 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Anac. Cantone si dimette: "Mi sentivo sopportato"

PDF Stampa
Condividi

di Fiorenza Sarzanini

 

Corriere della Sera, 6 febbraio 2019

 

Il presidente dell'Autorità anticorruzione tornerà in magistratura: tre domande per un posto da procuratore. Raffaele Cantone è pronto a lasciare l'Anticorruzione. In polemica con "i troppi attacchi ricevuti", ha chiesto di tornare a fare il magistrato e ha fatto domanda per tre Procure. "Mi sentivo sopportato".

La scelta viene fatta filtrare in serata, all'interno del governo non è stato avvisato nessuno. Perché la decisione di Raffaele Cantone di lasciare il posto di presidente dell'Anac, l'Autorità anticorruzione, arriva al termine di otto mesi vissuti sempre lontano da premier e ministri. Prima è stato attaccato, poi ignorato e dunque, come dice lui, "mi sono sentito sopportato e siccome non sono uomo per tutte le stagioni ho meditato a lungo e poi ho capito che era arrivato il momento di tornare a fare il mio mestiere".

Magistrato: questo faceva Cantone e questo vuole tornare a fare, a capo di una Procura. Nella richiesta già presentata al Csm ha indicato tre uffici "piccoli" come Perugia, Torre Annunziata e Frosinone. Più volte nelle ultime settimane Cantone si è sfogato per provvedimenti che "mi preoccupano" come la norma del ddl anticorruzione che "ha alzato a 150 mila euro il tetto per gli appalti con procedura diretta" oppure per le "uscite" di Matteo Salvini che voleva "strappare e riscrivere il codice per gli appalti".

E dunque la sensazione di Cantone è diventata quasi certezza: "Sembra che il problema del Paese sia diventato l'anticorruzione". Il primo ad attaccarlo fu Giuseppe Conte che il 7 giugno, appena nominato presidente del Consiglio, ci tenne a dire che "dall'Anac non abbiamo avuto i risultati che speravamo". Qualche giorno dopo ci fu una retromarcia, ma ormai il segnale era stato inviato e infatti Cantone non ha mai avuto "la sensazione che ci fosse la volontà di marciare insieme".

Ancor più freddi i rapporti con Luigi Di Maio, tanto che più volte ha detto di non aver capito "se sono davvero interessati alla materia". Un quadro che in meno di un anno lo ha dunque convinto sulla necessità "di fermarmi, perché questa esperienza è ormai finita". Cantone è sempre stato in prima linea nella lotta alla criminalità, in particolare nella sua Regione - la Campania - e infatti dal 2003 vive sotto scorta. Sin dall'inizio della convivenza con questo esecutivo è apparso chiaro che non avrebbe accettato un ruolo dimezzato e adesso, a oltre un anno dalla scadenza naturale dell'incarico (2020), ha preferito farsi da parte.

Con l'intervento pubblico di ieri alla Link Campus University - ateneo diventato la "fucina" dei 5 Stelle - è apparso comunque determinato a lasciare il segno: "Non immagino neanche lontanamente che si possa definitivamente spazzare via la corruzione, chi lo dice o non sa cosa sono i corrotti o prende in giro il Paese". In ogni caso "penso che il Paese ce la possa fare, al di là delle oscillazioni tra la forca e il liberi tutti".

 

 

 

 

06

 

06


06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it